Override 2 Super Mech League: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 29-12-2020 9:26

Dopo Override, Modus Games prosegue con la serie con il sequel, ed oggi vogliamo condividere con voi la Recensione di Override 2 Super Mech League, disponibile da qualche giorno su PC, PS4, PS5, Xbox One, Xbox Series e Nintendo Switch.

Sono trascorsi 2 anni da quando Override arrivò sul mercato, per la gioia di tutti gli appassionati dei robottoni degli anni 70/90, riproponendo un genere oramai dimenticato da tempo, ci stiamo riferendo al King of Monsters del Super Nintendo, dove nei panni dei più celebri mostri bisognava suonarle di santa ragione ad altri mostri in arene distruttibili come metropoli.

Override 2 Super Mech League Recensione

Modus Games dopo il discreto successo del precedente capitolo, ci riprova con un sequel più competitivo, il quale propone non solo nuovi contenuti ma anche modifiche e migliorie che rendono il Gameplay più coinvolgente, divertente e impegnativo. In Super Mech league non vi sono solo i combattimenti 1 VS 1 ma anche a coppie, rendendo gli scontri dei veri e propri Royal Rumble.

Nei panni di nuovi e vecchi robot dovrete sconfiggere gli avversari controllati dal computer o altri giocatori locali e online, scalando le vette del successo ed accumulando crediti da utilizzare per acquistare non solo personalizzazioni per i mech, ma anche i biglietti per partecipare a nuovi incontri. Tra le modalità spicca senza ombra di dubbio il Campionato, dove dovrete sconfiggere una lunga serie di avversari per diventare i campioni.

Non manca ovviamente all’appello l’Allenamento, nella quale potete imparare a padroneggiare tutti i mech presenti in gioco, i loro equipaggiamenti ed abilità, prima di affrontare gli avversari. Oltre i danni da mischia quali pugni, calci, spinte e prese varie, potete contare anche sul differente arsenale di ciascun mech per infliggere danni dalla distanza. Prima di iniziare a giocare tramite un generoso Tutorial potete apprendere tutto quello che c’è da sapere.

In qualsiasi momento tramite l’HUD potete tenere sotto controllo sia la barra della salute che quella dell’Ultimate, quest’ultima permette di infliggere ingenti danni agli avversari tramite una mega combo, una volta ricaricata. E se non siete ancora soddisfatti, potete sempre infliggere ulteriori danni ai nemici con gli oggetti presenti in scena come spadoni, lanciagranate, fucili laser e quanto altro ancora, oppure scaraventarli verso palazzi e cisterne esplosive.

Prima vi abbiamo menzionato che sono state apportate importanti modifiche e migliorie al titolo rispetto al precedente capitolo, tra queste troviamo la rimozione del surriscaldamento dei mech quando si eseguono troppi attacchi e schivate, un differente riempimento per la barra delle mosse speciali ed altri accorgimenti che rendono il Gameplay fluido e dinamico, coinvolgente e divertente.

Giocato su PS5 purtroppo il titolo non restiuisce un’esperienza più o meno simile a quella di altri titoli con il Dual Sense, le potenzialità del nuovo controller vengono accantonate. Da elogiare invece i caricamenti la cui durata si attesa al di sotto dei 10 secondi su oldgen, decisamente meno su nextgen dove sono quasi assenti. 10 i campi di battaglia dove affrontare gli avversari, con una buona distruttibilità dell’ambiente, da utilizzare come anticipato a proprio vantaggio per infliggere danni extra agli avversari, con effetti dati dalle esplosioni tutt’altro che brillanti.

20 invece i mech da sbloccare, con la possibilità di personalizzarli in estetica tramite i crediti accumulati. Come avete potuto intuire vi è una generosa quantità di modi per sconfiggere gli avversari, con armi da mischia e dalla distanza, super attacchi e oggetti ambientali. Graficamente parlando il titolo offre una buona modellazione poligonale dei mech e degli scenari, nonostante come anticipato gli effetti dati dalla distruzione ambientale non siano poi cosi curati, ma dopotutto la vostra attenzione sarà focalizzata più sul suonarle all’avversario di turno che ammirare il paesaggio.

Ottima la stabilità del multiplayer online, la quale non presenta cali di frame rate significativi o lag, rendendo gli scontri godibili sia su vecchia che nuova generazione. Anche il comparto Audio si comporta egregiamente, proponendo una colonna sonora che si sposa alla perfezione con gli scontri, rendendo questi ultimi più frenetici e divertenti.

Nonostante non sia un capolavoro o uno dei migliori picchiaduro in commercio, Override 2 si differenzia dalla massa seguendo le orme del suo predecessore, offrendo ai giocatori nuovi contenuti e migliorie che ne giustificano l’acquisto.

Override 2 Super Mech League Gameplay Trailer

7/10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato