Trials of Mana: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 03-05-2020 9:02

Correva l’anno 1995 quando Seiken Densetsu 3 arrivò sul mercato, ed oggi a distanza di 17 anni torna con il Remake. La serie Mana all’epoca aveva un posto speciale nel cuore dei giocatori, il successo portò allo sviluppo di differenti titoli.

Trials of Mana è il terzo capitolo della serie, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione, dopo aver trascorso del tempo in sua compagnia su PS4 Pro, informandovi che il titolo è disponibile anche su PC e Nintendo Switch.

Trials of Mana Recensione

Trials of Mana è un GDR, ossia un gioco di ruolo, che per la gioia di tutti coloro che non vedono di buon occhio il combattimento a turni, vanta di un sistema in tempo reale come il remake di Final Fantasy 7.

Il Remake come il titolo originale purtroppo non supporta la lingua italiana in alcun modo, rendendo difficoltosa l’apprendimento della trama a coloro che non masticano la lingua estera.

Il gioco inizia con la scelta dei personaggi che comporranno il proprio party nel corso dell’avventura, ognuno dotato di equipaggiamenti ed abilità uniche, alcuni specializzati in attacchi dalla distanza attraverso la magia, altri invece nei combattimenti in mischia.

Creato il party ci si ritrova nel cortile di un castello, pronti per affrontare i primi combattimenti in tempo reale e fasi esplorative, nelle quali vengono illustrati tutti i comandi che bisogna conoscere, da come eliminare i nemici a interagire con gli oggetti e personaggi.

Portato a termine il prologo verrete lasciati liberi di esplorare le ambientazioni che compongono Trials of Mana, passando da foreste, paludi e grotte a cittadine, roccaforti, distese lussureggianti e deserti, nei quali vi sono nemici e boss differenti, i quali variano non solo in aspetto ma anche in abilità e attacchi.

Ogni membro del party come anticipato dispone di armi, abilità ed equipaggiamenti unici, i quali possono essere sbloccati, acquistati e migliorati nel corso dell’avventura. Eliminando i nemici si sale di livello ottenendo punti esperienza da spendere per il miglioramento delle statistiche e sblocco di nuove abilità, come avviene del resto nei giochi di ruolo.

I personaggi possono essere utilizzati non solo nel combattimento ma anche nelle fasi esplorative, passando da uno all’altro in qualsiasi momento. Facendo visita ai negozi delle città è possibile spendere il denaro accumulato, per acquistare oggetti consumabili ed equipaggiamenti o oggetti vari da applicare a ciascun eroe.

Non mancano all’appello attività e missioni secondarie oltre le principali, tutte indicate tramite delle apposite icone nella mappa principale o radar. La storia viene raccontata non solo dai documenti disseminati per gli scenari ma anche da cutscene ambientate per lo più nel passato di ciascun personaggio, rivivendo ricordi sopiti non solo come spettatore ma anche giocatore.

In qualsiasi momento richiamando il menu di pausa mediante l’apposito tasto, è possibile cambiare gli oggetti ed equipaggiamenti di ciascun personaggio, spendere i punti esperienza ottenuti per sbloccare abilità e migliorare le statistiche ed assegnare agli slot rapidi non solo le abilità ma anche gli oggetti.

Naturalmente ogni personaggio è individuale, ciò significa che livella e ottiene punti esperienza in modo separato dagli altri membri del party. Equipaggiare armature ed oggetti vari non muterà l’aspetto degli eroi ma conferirà loro solo dei bonus e migliorie.

Per questo motivo il team di sviluppo ha deciso di creare capi d’abbigliamento solo estetici, i quali possono essere ottenuti ed indossati nel corso dell’avventura e che non hanno nulla a che vedere con gli oggetti equipaggiati.

Ciò naturalmente non riguarda le armi, le quali variano a seconda del personaggio in uso, non solo in estetica ma anche in statistiche, visibili una volta equipaggiate.

Esplorando gli scenari vi imbatterete non solo consumabili da raccogliere ma anche forzieri da aprire, contenenti oggetti di vario tipo. Nonostante il sistema di combattimento sia in tempo reale, gli scontri avvengono all’interno di un cerchio, dal quale è possibile fuggire in qualsiasi momento per evitare le battaglie.

Non mancano naturalmente all’appello temibili boss da sconfiggere che rilasceranno drop non indifferenti, alcuni legati alle missioni della trama principale, altri secondari e pensati per i giocatori che amano l’esplorazione. Trials of Mana come ogni gioco di ruolo vanta la presenza di una generosa quantità di dialoghi, i quali però vengono proposti moderatamente, dando maggiore priorità all’azione piuttosto che alla staticità.

Il tutto realizzato con un comparto grafico in cell shading 3D, il quale conferisce ai personaggi un’aspetto cartoonesco, accompagnato da una colonna sonora piacevole da ascoltare e che si sposa alla perfezione con le ambientazioni, condita da un doppiaggio di tutto rispetto seppure in lingua estera.

Trials of Mana è un Remake di tutto rispetto che ha le carte in regola non solo per attirare nuovi giocatori appassionati dei giochi di ruolo ma anche coloro che sono cresciuti con una delle saghe più in voga degli anni 90.

Da elogiare la longevità, la quale vi porterà via molte ore del vostro tempo, sopratutto se siete amanti del completismo e volete portare a termine tutto quello che c’è da fare ed esplorare ogni angolo di ciascun regno.

Avremmo sicuramente preferito avere il supporto della lingua italiana ma tralasciando ciò abbiamo indubbiamente apprezzato la presenza di rapidi caricamenti e l’assenza di cali di frame rate, ciò rende l’esperienza di gioco fluida e coinvolgente, divertente e appagante per l’intera durata.

Trials of Mana Gameplay Trailer

  • 8/10
    Grafica - 8/10
  • 8.5/10
    Gameplay - 8.5/10
  • 7.8/10
    Sonoro - 7.8/10
  • 7.8/10
    Trama - 7.8/10
  • 8/10
    Longevità - 8/10
8/10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato