Predator Hunting Grounds: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 28-04-2020 9:27

Dopo Venerdi 13 il team IllFonic ci riprova con una nuova esperienza multiplayer, ed oggi vogliamo condividere con voi la Recensione di Predator Hunting Grounds, disponibile su PC, PS4 e Xbox One.

Il videogioco ufficiale di Venerdi 13 portò in voga un nuovo genere,il quale vedeva un giocatore vestire i panni di Jason con il compito di eliminare i sopravvissuti controllati da altri giocatori.

Con Resident Evil Resistance abbiamo assistito ad un multiplayer asincrono 1 VS 4 e con Predator Hunting Grounds la situazione non cambia, seppur le meccaniche di gioco e l’universo nel quale è ambientato lo stesso sono ovviamente differenti.

Predator Hunting Grounds Recensione

Dalla premessa e se avete giocato Venerdi 13, avrete sicuramente intuito che anche Predator Hunting Grounds è un’esperienza di gioco always online, il che significa che è solo incentrata sul multiplayer.

Venerdi 13 non ottenne il successo sperato a causa dei numerosi problemi che affliggevano il titolo e l’assenza di un comparto giocatore singolo non aiutò, Predator Hunting Grounds commette i medesimi errori del passato a dimostrazione di come il team non abbia imparato la lezione.

Il gioco ci pone di fronte 2 fazioni, una composta dai Marine e l’altra da un Predatore. Se da un lato abbiamo dunque un giocatore Predator che dovrà fare di tutto per eliminare i Marine, dall’altra vi sono questi ultimi, i quali non dovranno solo sopravvivere al Predator o eliminarlo ma anche portare a termine degli incarichi ben precisi.

I Marine rendono il gioco uno sparatutto in prima persona, con obiettivi da completare che richiedono il recupero di oggetti specifici, la distruzione della droga o l’eliminazione di un trafficante.

Il Predator invece rende il gioco un action in terza persona, nel quale dovrete eliminare i Marine con le varie abilità a disposizione, le quali inizialmente sono molto limitate.

La massiccia presenza di prove che permette ai Marine di individuare il Predator non aiutano quest’ultimo ad avere vita facile. Dalle foglie che cadono ai versi della bestia, la sagoma ed altri fattori che ne favoriscono l’individuazione.

Se il Predator inizialmente potrà contare su abilità ed equipaggiamenti standard, i Marine ovviamente non sono certo da meno. Con il progredire del gioco e quindi partita dopo partita, si accumulano punti esperienza per livellare.

Livellando con le fazioni si ottiene l’accesso ad equipaggiamenti migliori, come ad esempio le reti per intrappolare i giocatori, il disco controllabile dalla distanza e l’arco per il Predator oppure armamenti più massici come la mitragliatrice pesante per i Marine.

Inizialmente i Marine potranno trasportare un numero ridotto di cure e munizioni, ma con il progredire del gioco sarà possibile migliorare l’inventario ed altri aspetti della classe. Un sistema di progressione che non ci è dispiaciuto se non fosse per un problema di cui vi parleremo a breve.

3 le mappe nelle quali avvengono gli scontri, che purtroppo però riciclano in modo prepotente gli Assets, riproponendo i medesimi edifici ed elementi in più aree, dando la sensazione di trovarsi in un dejavu.

Come anticipato il titolo è afflitto dai medesimi problemi di Venerdi 13, dai cali di frame rate imbarazzanti alle lunghe attese per trovare una partita disponibile.

E se le animazioni sono discutibili lo è ancora di più il sistema che si occupa di abbinare i giocatori nelle partite, mettendo spesso a confronto i neofiti con giocatori armati di tutto punto, rendendo la partita tutt’altro che bilanciata.

Predator Hunting Grounds è indubbiamente un’esperienza multiplayer gradita in un periodo di quarantena se non fosse per la presenza massiccia di problemi tecnici.

Di recente è stata resa disponibile una prima patch correttiva e probabilmente molte altre ne seguiranno nel corso del tempo, proprio come fu all’epoca con Venerdi 13.

L’idea alla base del titolo non è affatto male, peccato che ci sia molto lavoro da fare per rendere il titolo giocabile. Inutile negarvi di come siamo stati più volte scoraggiati ad uscire dal gioco a causa delle code molto lunghe, indipendentemente dalla fazione scelta.

Al momento in cui si lancia il gioco è possibile decidere se giocare nei panni dei Marine, del Predator o di assegnare al gioco la scelta della fazione, comunque sia resterete svariati minuti se non di più ad attendere una partita, anche se il team sembra aver risolto in parte il problema.

Generosi indubbiamente i contenuti ottenibili dal livellamento delle fazioni, il che rende l’esperienza multiplayer longeva per gli amanti della saga cinematografica, tuttavia come anticipato il team sembra non aver imparato dai propri errori, lanciando un gioco sul mercato senza eseguire i dovuti test.

Predator Hunting Grounds Gameplay Trailer

  • 6/10
    Grafica - 6/10
  • 5/10
    Gameplay - 5/10
  • 3/10
    Trama - 3/10
  • 6.5/10
    Sonoro - 6.5/10
  • 7/10
    Longevità - 7/10
5.5/10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato