Wanted: weapons of fate

Pubblicato da: matrixneo84- il: 30-03-2009 16:02 Aggiornato il: 02-09-2015 11:11

“E se vi dicessero che i proiettili non seguono tutti una linea retta?”: wanted weapons of fate parte da questo principio per rinnovare il genere degli fps con parabole all’apparenza impossibili…

l'arma del destino nelle vostre mani

Però dovete guadagnarvi l’abilità dei proiettili curvanti: come? Attraverso l’adrenalina: uccidete i vostri nemici, non importa il modo, e potete divertirvi con traiettorie mai viste.

Un’atmosfera cupa, una presentazione ambigua e altrettanto oscura: sembra di rivedere Max Payne, innovativo a suo tempo e questo titolo lo sarà altrettanto?

La trama

Interpretiamo padre e figlio legati, al di là dell’ovvia parentela, da un passato di sangue che a poco a poco si svelerà: passato e presente si intrecciano con molti punti in comune e una sola certezza, rimanere vivi più a lungo possibile.

Ambientato negli Stati Uniti e in Francia, saremo in entrambi i luoghi alle prese con una Confraternita tutt’altro che amichevole. Ma cosa vogliono da noi?

Hanno infiltrati dappertutto, anche nella Swat: qualsiasi cosa vogliano, dobbiamo difenderci a tutti i costi e impedirgli di raggiungere il loro oscuro obiettivo. Ora una domanda che sorge: che cos’è quest’arma del destino? Noi stessi, l’arma che curva i proiettili o qualcos’altro? Lo scopriremo solo giocando…

Gameplay

Tutto inizia con i tutorial e purtroppo anche i problemi iniziano qui: come prima cosa non usate mouse e tastiera sul pc che anche mettendo al minimo la sensibilità del mouse è ingiocabile…. Con il joypad và un pochino meglio anche se la mira di precisione ne risente, certo con il mouse sarebbe stato meglio…

Un’altra nota negativa sono le coperture: dovete premere il tasto a (o x se avete un joypad ps2) per ripararvi dal fuoco nemico oppure per aggirare un nemico (a volte è necessario). Però a volte risulta scomodo passare da una copertura ad un’altra, dovrete un attimo abituarvi, non funzionano perfettamente come in Gears of War per intenderci

2 aspetti quindi da non sottovalutare trattandosi di un fps: per il primo caso forse una patch correttiva sarebbe utile. Non mancano, comunque, le note di merito: trovare la giusta traiettoria per colpire il nemico è veramente divertente. E’ questo il punto di forza del gioco: superare le leggi della fisica!

C’è anche un’altra mossa speciale da poter usare: il bullet-time. Sarà più facile colpire i nemici a rallentatore!

Inoltre, per riuscire a colpire un nemico interamente coperto ad esempio da uno scudo, dovrete sfruttare delle semplici tattiche che nel tutorial verranno spiegate. Senza sporgervi sparate qualche colpo e anche visivamente capirete qual’è il momento adatto per passare ad un’altra copertura: un alone bianco comparirà sullo schermo, è il momento giusto.

E se l’aggiramento è stato fatto a dovere, uno speciale effetto grafico vi segnala che è il momento di colpire: trovo molto interessante quest’idea.

Grafica

A livello grafico non possiamo lamentarci: le ambientazioni sono piene d’oggetti e curate in ogni singolo particolare. Il motore grafico sembra abbastanza potente e allo stesso tempo snello; le cinematic che introducono le missioni di gioco sono coinvolgenti e una particolare cura è stata riservata ai dialoghi.

Giudizio finale:

Grafica: 8.  Uno dei punti di forza del gioco: per colpire un nemico con le pallottole curvanti, apparirà la sua sagoma e la traiettoria del proiettile da modulare con l’analogico destro. Vedrete oltre gli oggetti e andrete contro ogni legge fisica.

Sonoro: 7. Coinvolgente quanto basta specialmente nelle cinematic. Dialoghi interessanti.

Giocabilità: 7.  Necessita di gamepad o di una patch correttiva per i problemi mouse e tastiera. Tutorial efficaci e brevi, sistema di puntamento a volte scomodo come la copertura dal fuoco nemico.

Longevità: 6.  Non tantissime ore di gioco.

Coinvolgimento: 8Un gioco che non vi farà annoiare.

Novità: 7.  Le pallottole curvanti valgono come novità?

Giudizio finale: 7,5.  Un gioco discreto, non un capolavoro e con problemi da non sottovalutare: ma comunque che vale la pena di comprare. Il taglio cinematografico aumenta il coinvolgimento e alcune idee sono sicuramente interessanti. Forse non sono state sfruttate al meglio alcune possibilità…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato