UBISOFT rafforza le proprie attività online con l’acquisizione di QUAZAL TECHNOLOGIES

Pubblicato da: matrixneo84- il: 08-11-2010 21:43 Aggiornato il: 02-09-2015 11:16

Ubisoft annuncia l’acquisizione di Quazal Technologies, società leader nella creazione di middleware e servizi multiplayer per sviluppatori di videogiochi.

I team di Quazal hanno lanciato e gestito con successo numerose soluzioni online, come Rendez-Vous e Net-Z, per i principali produttori e sviluppatori dell’industria dell’intrattenimento interattivo.

Attualmente, buona parte delle loro soluzioni sono utilizzate nei principali titoli Ubisoft, tra cui il prossimo Assassin’s Creed Brotherhood, premiato anche come “Best Online Game” all’E3 2010.

“Da diversi anni Quazal e Ubisoft collaborano a stretto contatto per creare le migliori esperienze di gioco online per i nostri brand più importanti. Negli ultimi 12 anni, gli ingegneri di Quazal hanno affinato le loro abilità e grazie a questa acquisizione Ubisoft si avvantaggia di una tecnologia all’avanguardia, che ci aiuterà a raggiungere tutti gli obiettivi della nostra strategia online” ha dichiarato Quentin Gallet, direttore esecutivo Technology Group di Ubisoft.

“Questo annuncio rappresenta il culmine di dieci anni di dedizione da parte dei team di Quazal. Il loro talento e impegno nello sviluppo di tecnologie online della massima qualità sono stati determinanti per questa acquisizione” ha aggiunto Sylvain Beaudry, cofondatore e direttore generale di Quazal.

“La stretta collaborazione tra i team di Quazal e Ubisoft faciliterà lo sviluppo e il lancio di nuovi servizi online. Sìamo davvero felici di poter continuare a esprimere la nostra visione creativa attraverso i progetti che svilupperemo con Ubisoft” ha concluso Martin Lavoie, cofondatore e direttore tecnico di Quazal.

All’interno di Ubisoft, Quazal continuerà a espandere la propria tecnologia e i propri servizi, che resteranno disponibili come licenze per il settore dell’intrattenimento interattivo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato