Santa Monica: Non possiamo competere con Ubisoft e Rockstar in Open World

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 08-01-2019 8:07

Con l’ultimo capitolo della saga God of War, abbiamo avuto la possibilità di esplorare un mondo decisamente più grande rispetto quelli ai quali siamo stati abituati, ma non è ancora da considerarsi un open world. Cory Barlog in una recente intervista ha dichiarato che Santa Monica non può competere con Ubisoft e Rockstar. 

Ubisoft e Rockstar: Il primato negli Open World

Cory Barlog afferma:

God of War può essere considerato un mondo esteso e lineare ma non di certo un open world, l’intenzione non era quella di creare un mondo aperto, sono stato inflessibile in merito a questa decisione fin da subito. I costi e il livello di aspettative sono cosi alti che non avremmo potuto competere con la concorrenza, non disponiamo dell’infrastruttura e sistemi necessari per farlo.

I dipendenti di Rockstar sono oltre 4000, noi siamo solo in 300. A lavorare ad Assassin’s Creed ci sono voluti 1.600 sviluppatori, una cifra che consideravo esagerata, fino a quando non ho costatato quella richiesta per dare vita a Red Dead Redemption 2.

Loro hanno davvero bisogno di tante persone per creare un open world. Noi non vogliamo investire in quel senso, God of War propone un mondo più vasto dei predecessori ma non è vuoto, è ricco di momenti di scoperta. 

Queste le motivazioni che hanno spinto Santa Monica a non utilizzare un approccio open world in God of War, creando un mondo più vasto ed esplorabile ma pur sempre chiuso.

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato