Computex 2019: NVIDIA reinventa ‘Quake II’ con una grafica Ray- Tracing mozzafiato

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 27-05-2019 12:54 Aggiornato il: 27-05-2019 12:56

NVIDIA ha annunciato oggi che Quake II RTX sarà disponibile su GeForce.com gratuitamente a partire dal 6 giugno.

Quake II RTX è il primo gioco al mondo completamente disponibile con il path-tracing, una tecnica di ray-tracing che unifica tutti gli effetti di luce quali ombre, riflessi, rifrazioni e altro ancora in un unico algoritmo. Il risultato è un nuovo look mozzafiato per Quake II di id Software, uno dei giochi più popolari al mondo, lanciato originariamente nel 1997.

Quake II RTX include i primi tre livelli per giocatore singolo del classico gioco per PC tanto amato dai gamer. Coloro che già possiedono Quake II possono godersi il gioco nella sua totalità, incluse le modalità multiplayer deathmatch e multiplayer cooperativo, tutte completamente utilizzabili con il path-tracing.

Matt Wuebbling, responsabile del marketing GeForce di NVIDIA ha dichiarato:

Quake II RTX è un’espressione del nostro amore e della nostra passione per i giochi per PC. Applicando tecnologie grafiche ray-tracing di nuova generazione e utilizzando le API Vulkan, siamo in grado di condividere questo classico per PC con una nuova generazione di giocatori che possono scaricarlo e giocarlo gratuitamente.

Tim Willits, direttore dello studio di id Software e uno dei creatori dell’originale franchise di Quake ha aggiunto:

È raro che un gioco per PC abbia l’impatto e la longevità di Quake II, e vederlo reimmaginato con ray-tracing 20 anni dopo è qualcosa di speciale per me. Altrettanto speciale è il rapporto con NVIDIA, con cui abbiamo lavorato fin dai primi tempi degli sparatutto in prima persona.

Vedere come NVIDIA ha integrato le caratteristiche moderne in questo intramontabile gioco è davvero entusiasmante.

Stesso grande gioco, nuovo look mozzafiato

Il nuovo look visivamente sbalorditivo del gioco classico è ottenuto con una tecnica di ray-tracing nota come path-tracing, che traccia i raggi luminosi (direttrici) attraverso la scena in modo da unificare tutti gli effetti luminosi in un unico algoritmo di ray-tracing. Questa elegante forma di rendering è utilizzata nella computer graphics dei film, ma finora era troppo costosa per i giochi.

Gli effetti luminosi di Quake II RTX sono così avanzati che richiedono un supporto hardware per il ray-tracing, come gli RT Core specializzati dell’architettura Turing™ e le GPU NVIDIA GeForce RTX, per essere eseguiti in tempo reale. La specifica minima per eseguire Quake II RTX in tempo reale è una scheda video GeForce RTX 2060.

I nuovi livelli di realismo visti in Quake II RTX includono l’illuminazione diurna in tempo reale altamente dinamica, con luce solare accurata e illuminazione indiretta. Gli elementi fisici sono resi con precisione. Ad esempio, l’acqua e il vetro rifrangono la luce con precisione, le superfici emissive ottengono effetti di luce soffusa, le superfici forniscono riflessi accurati e le fonti di luce illuminano gli oggetti circostanti. Sono stati aumentati anche i dettagli e le texture dei modelli di armi ed è stato aggiunto un denoiser migliorato per aumentare la qualità dell’immagine.

Quake II RTX utilizza NVIDIA VKRay un’estensione che permette a qualsiasi sviluppatore che utilizza l’API Vulkan di aggiungere effetti di ray-tracing ai propri giochi. Basandosi su Q2VKPT, una versione del gioco creato da Christoph Schied utilizzando il motore grafico open-source di Quake II, Quake II RTX è un gioco ray-tracing puro che gira su un renderer Vulkan con supporto per Linux.

Neil Trevett, presidente del Khronos Group e vicepresidente degli ecosistemi di sviluppatori di NVIDIA conclude:

Quake II RTX dimostra che l’API Vulkan con ray-tracing in tempo reale può essere utilizzata per creare esperienze di gioco mozzafiato utilizzando alcune delle tecniche di rendering più avanzate a disposizione degli sviluppatori di giochi.

Inoltre, essendo Quake II RTX disponibile in download gratuito è accessibile sia ai giocatori Windows sia a quelli Linux ovunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato