Licenziamenti in casa EA

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 16-04-2012 11:44

Secondo delle voci di corridoio, pare che la crisi economica abbia colpito anche la nota software house “EA” che sarebbe in procinto di licenziare dai 500 ai 1000 dipendenti.

I licenziamenti sono stati decisi in seguito alle analisi di mercato del 2011 che non hanno soddisfatto i vertici dell’azienda nonostante i vari successi  tra cui quello avvenuto con il lancio di Battlefield 3 e di Star Wars Old Republic. Non sono stati specificati i settori che verranno colpiti da questo licenziamento di massa.

Vi ricordiamo che a causa della crisi economica, sono numerose le software house o studio di sviluppo recenti ma anche datati che sono stati costretti a chiudere i battenti per non parlare dei giochi cancellati e dei server chiusi. A quanto pare anche la situazione è triste anche per il settore videoulotico. Produrre un gioco è al quanto dispendioso per questo molte softwarehouse prima di farlo ci pensano su 100 volte perchè cancellare lo sviluppo di un gioco è come buttare i soldi nel water e scaricare lo sciacquone.

I dipendenti che sviluppano un gioco vengono pagati mensilmente e non a lavoro finito per questo motivo cancellare un gioco per una software house è una perdita di denaro. Quando si parla di licenziamenti, spesso ci si riferisce a quella classe di operai futile se licenziata, i vertici non si sognerebbero mai di licenziare il capo dello sviluppo di un gioco, o un valido programmatore e designer. Solitamente sono sempre i più recenti a lasciarci le penne o meglio il posto di lavoro. Cosa ne pensate di questa situazione? Una cosa è certa nonostante la crisi e i licenziamenti le software house continueranno a produrre giochi e a venderli per 70€ circa per copia il che è una vera mazzata per i videogiocatori che preferiscono puntare sugli usati.

Ecco il motivo per cui le software house sono contro gli usati, acquistando solo usati, il mercato non gira.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato