The Spectrum Retreat: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 13-07-2018 8:49 Aggiornato il: 13-07-2018 9:41

Lo sviluppatore indipendente Dan Smith ci porta nel Penrose Hotel con The Spectrum Retreat, un’avventura rompicapo in prima persona, che abbiamo avuto il piacere di provare su Xbox One, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione.

The Spectrum Retreat Recensione

The Spectrum Retreat ci catapulta nel mondo di gioco senza alcuna introduzione pronta a spiegarci la storia, ci ritroviamo all’interno di una stanza di Hotel, pronti a famigliarizzare fin da subito con le poche ma essenziali meccaniche di gioco.

Bussano alla porta, è un cameriere robotico il quale oltre ad augurarci un buon giorno ci invita a scendere al piano terra per fare una gustosa colazione.

Chiusa la porta udiamo uno strano suono provenire dal letto, avvicinandoci allo stesso notiamo la presenza di uno strano dispositivo, un telefono sferico,nel quale udremo la voce di una donna e leggeremo delle istruzioni da seguire.

Preso il necessario ci dirigiamo nell’ingresso dell’Hotel, dove lo staff dell’Hotel gestito da robot ci invita a raggiungere la sala per la colazione.

Al termine del pasto la donna ci illustrerà a grandi linee il piano di fuga dall’Hotel nel quale siamo imprigionati, conducendoci all’ascensore, il quale a causa di un guasto non può raggiungere l’ultimo piano, obbligandoci a procedere diversamente.

E’ qui che inizia la nostra storia. Nei panni di un misterioso individuo il quale non vedremo per l’intera durata del gioco, in quanto gestiremo semplicemente una camera in prima persona, dovremo procedere piano dopo piano risolvendo i tanti enigmi proposti.

Per accedere ad ogni piano dell’Hotel e quindi sbloccarlo tramite l’ascensore, dovremo trovare prima di tutto un codice segreto all’interno dell’Hotel, con il quale sbloccare la serratura di una porta che conduce al lato celato della struttura, dove ad attenderci vi sono enigmi di vario tipo.

Tramite il dispositivo (chiamato telefono in gioco) a disposizione potremo consultare le varie istruzioni oltre a interfacciarsi con la misteriosa donna che vuole aiutarci a fuggire dalla struttura.

Gli enigmi ci richiedono di interagire con vari cubi colorati per attraversare le pareti del colore del cubo selezionato.  Ad esempio, selezionando il cubo rosso il dispositivo si attiverà per funzionare con pareti e ostacoli del medesimo colore, permettendoci di attraversare le pareti rosse ma cadendo nel vuoto nel caso in cui si tenti di camminare su dei ponti virtuali rossi.

Grazie al dispositivo in dotazione è possibile mutare il colore dei cubi dalla distanza, assegnando ad essi il colore in nostro possesso e prelevando allo stesso tempo il loro, e cosi per l’intera durata dell’avventura.

Non mancano all’appello collezionabili i quali forniscono maggiori dettagli sulla trama oltre a note sparse per i vari ambienti.

Un gioco che fonde la narrazione di The Stanley Parable agli enigmi di Cube. Ogni piano presenta un certo numero di stanze virtuali da attraversare tramite la risoluzione degli enigmi citati, al termine di ogni piano dovremo dirigerci nella nostra stanza per dormire e cominciare la giornata successiva allo stesso modo, con la differenza che potremo raggiungere il piano superiore a quello del giorno precedente passando per l’ascensore.

Il tutto gestito da un comparto grafico in 3D dove il rosso, il blu e il bianco la fanno da padrone durante lo svolgimento degli enigmi, portandoci in scenari che ricordano vagamente lo stile adottato nei livelli sfida di Mirror’s Edge.

The Spectrum Retreat è la dimostrazione di come anche un solo sviluppatore è in grado di realizzare un gioco di qualità, seppure il cuore pulsante dell’esperienza di gioco risieda nella semplicità di un gameplay lineare ma dai complessi enigmi.

The Spectrum Retreat Gameplay Trailer

  • 7.8/10
    Grafica - 7.8/10
  • 7.5/10
    Gameplay - 7.5/10
  • 7/10
    Sonoro - 7/10
  • 7.7/10
    Trama - 7.7/10
  • 8/10
    Longevità - 8/10
7.6/10

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato