The Lion’s Song: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 10-07-2018 7:45 Aggiornato il: 10-07-2018 7:46

Dopo il debutto su iOS, Android e PC STEAM, The Lion’s Song è disponibile a partire da oggi anche su Nintendo Switch, e su gentile concessione ICO Partners vogliamo condividere con voi la nostra Recensione.

The Lion’s Song Recensione

The Lion’s Song è un’avventura grafica dal comparto grafico pixel art, nel quale ci ritroviamo in una Vienna del ventesimo secolo, nei panni di Wilma, una giovane violinista decisa ad attirare l’attenzione del suo professore Arthur di cui è innamorata follemente da tempo.

Quest’ultimo le offrirà l’occasione di esibirsi in un importante concerto, al fine di mostrare a tutti le sue capacità. Ad una settimana dal debutto, Wilma viene invitata da Arthur a soggiornare in una baita sulle Alpi, per completare il suo ultimo capolavoro.

A differenza di molte avventure grafiche alle quali siamo sempre stati abituati nel corso del tempo, non vi sono enigmi da risolvere, oggetti da combinare o inventari dove riporre note e quanto altro, il tutto ruota attorno ad una narrazione semplice ma allo stesso tempo profonda e coinvolgente.

The Lion’s Song è da considerarsi più un racconto videoludico piuttosto che un’esperienza di gioco, dove il tutto scorre in maniera lineare, nonostante la possibilità per il giocatore, di scegliere le risposte da fornire all’interlocutore.

A seconda delle risposte selezionate modificheremo la personalità della protagonista, focalizzando la sua attenzione sulla carriera, amore o famiglia. Tramite il cursore è possibile interagire con i vari elementi dello scenario, allo scopo di permettere a Wilma di trarne ispirazione per la sua opera.

The Lion’s Song si suddivide in vari episodi della durata di 40 minuti, una breve longevità che favorisce allo stesso tempo la rigiocabilità,portandoci in ogni run a selezionare dialoghi ed oggetti differenti.

Il gioco inizia all’interno dell’istituto, dove Wilma e Arthur discutono sull’imminente e importante concerto, durante il quale Wilma dovrà esibirsi con un’opera non ancora completata. Se da un lato abbiamo una Wilma innamorata che abbandonerebbe tutto per il suo docente, dall’altra abbiamo un Arthur il cui unico interesse è quello di lanciare Wilma nel mondo dello spettacolo.

Raggiunta la baia nelle Alpi verremo lasciati in compagnia della natura, dalla pioggia torrenziale ai fruscii dei rami in una giornata invernale. Dopo aver assistito al monologo della protagonista, squillerà il telefono, ponendoci di fronte alla nostra prima discussione a scelta multipla.

Ogni decisione e oggetto con il quale interagiamo porta delle conseguenze nella stesura del racconto, episodio dopo episodio. 

A seconda dell’oggetto con il quale interagiamo, Wilma avrà differenti ricordi legati agli stessi, con sogni, incubi e flashback, fantasie su Arthur e la paura di fallire miseramente nel suo primo debutto.

Il peso del fallimento e l’agonia di un’amore non corrisposto, portano Wilma a trascorrere la settimana più lunga della sua vita tra le gelide Alpi. 

Il tutto viene gestito da un comparto grafico come anticipato in pixel art, originale e accattivante, dove il rosso è il colore predominante sia per gli oggetti che per scenari e personaggi, dandoci la sensazione di trovarci di fronte un racconto interattivo ed artistico.

Ottima la colonna sonora e gli effetti in sottofondo, realizzati per rilassare il giocatore ma allo stesso tempo per evitare di distogliere l’attenzione dalla trama stessa, cuore pulsante dell’esperienza di gioco.

The Lion’s Song è un’esperienza di gioco unica nel suo genere, a dimostrazione di come la sola narrazione possa fare la differenza.

The Lion’s Song Gameplay Trailer

  • 7/10
    Grafica - 7/10
  • 5.5/10
    Gameplay - 5.5/10
  • 7.5/10
    Sonoro - 7.5/10
  • 5/10
    Longevità - 5/10
  • 7.8/10
    Trama - 7.8/10
6.6/10

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato