Shovel Knight Specter of Torment: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0xShinobix0x- il: 09-03-2017 7:31

Shovel Knight approda su Nintendo Switch con il terzo capitolo della saga intitolato Specter of Torment ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione

Una falce nell’oscurità

Specter of Torment come i predecessori offre il medesimo comparto grafico e sonoro, rivolto agli amanti del retrogaming. Nei panni di un misterioso personaggio antagonista del primo Shovel Knight sviluppato da Yacht Club Games, dovremo avanzare in livelli pixel art a scorrimento 2D servendoci della falce in dotazione per eliminare nemici e Boss.

Dopo aver ottenuto i fondi necessari al suo sviluppo grazie a Kickstarter, Shovel Knight come i primi capitoli di Shantae ha conquistato fin da subito i giocatori per la sua semplicità, anteponendo sfida e divertimento ad un comparto grafico oramai superato ma che è ancora in grado di emozionare coloro che sono cresciuti con l’8 Bit. 

Dopo un filmato introduttivo che viene riprodotto ad ogni lancio del gioco, ci si ritrova nella schermata classica dei profili dove bisogna assegnare un nominativo per creare lo slot di salvataggio ed iniziare questa breve ma coinvolgente avventura. 

Dalla Vita alla Morte

I livelli che compongono la breve ma coinvolgente campagna di Specter of Torment sono strutturati in checkpoint per un totale di 4, i quali consentono una volta raggiunti, di riprendere la partita in caso di morte.

Il gioco supporta i trofei anche su Switch dove purtroppo non essendoci la possibilità di disporre di una gamertag con un punteggio vengono sbloccati internamente, senza ricompensare il giocatore in alcun modo.

Se giocato sul grande schermo (sopratutto su TV molto grandi) Specter of Torment potrebbe infastidire coloro che non amano un uso eccessivo del pixelart, proponendo scenari e personaggi cosi sgranati da rendere il titolo ingiocabile, contrariamente se affrontato in mobilità, grazie alla funzionalità offerta da Switch, la quale disponendo di uno schermo delle giuste dimensioni, permette di gustarsi questo nuovo capitolo della saga al meglio. 

Shovel Knight Specter of Torment GAMEPLAY TRAILER

Nel corso dei livelli come accadeva con il titolo originario, anche in Specter of Torment potremo raccogliere pietre preziose distruggendo rocce, aprendo forzieri ed eliminando nemici con le quali è possibile acquistare presso il castello dell’Incantatrice svariate agevolazioni, dalle abilità accessibili tramite l’apposito inventario in qualsiasi momento ai compagni di viaggio.

Nonostante i checkpoint consentano di riprendere la partita in caso di morte dall’ultimo punto raggiunto, le vite a disposizione sono limitate ma gli sviluppatori hanno pensato bene di offrire svariati extra nel corso dello stage, raggiungibili utilizzando le abilità del protagonista.

Oltre la barra della salute e il numero di monete o pietre preziose, nella parte superiore dell’HUD vi è anche la barra della volontà e oscurità, ricaricabili tramite pozioni ed altri elementi, le quali consentono di attivare le abilità acquistate presso i commercianti del castello.

A differenza del prequel, Specter of Torment non ha una mappa del mondo ma i livelli sono accessibili parlando con il seguace oscuro in prossimità del grande specchio. In ogni stage vi è un differente boss ad aspettare il giocatore con la possibilità di giocarli random.

3.0

Shovel Knight Spectre of Torment rimane fedele al titolo che ha dato origine a tutto, da una colonna sonora vecchia scuola che si sposa alla perfezione con il comparto grafico ad un gameplay divertente e mai montono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato