Recensione Yomawari: Night Alone

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 03-11-2016 7:18

NIS America ci ha sempre deliziato con i suoi titoli innovativi quanto originali, ed oggi vogliamo condividere con voi la Recensione di una fiaba oscura e terrificante nota come Yomawari Night Alone, disponibile su PC Steam e PSVITA.

yomawari-night-alone

Soli nella notte

Yomawari Night Alone è un survival horror nel quale vestiamo i panni di una bimba che dopo aver assistito alla morte del suo cane, torna a casa con il volto abbattuto, la sorella pensando che il cane sia fuggito andrà a cercarlo senza fare più ritorno. Il gioco inizia presso la nostra abitazione dove è possibile salvare la partita, lo scopo è quello di esplorare la vasta città disabitata ma popolata da fantasmi e mostri di ogni tipo, armati solo di una torcia.

I mostri situati nella città possono essere solo distratti con oggetti da lancio al fine di fuggire per non essere acciuffati, nascondendosi tra i cespugli di rose o dietro i cartelloni. Durante queste fasi lo schermo diventa nero con sprazzi rossastri e battiti del cuore della bimba in sottofondo, i quali diverranno accelerati se un mostro è vicino alla nostra posizione, stabilizzandosi quando si è in totale sicurezza e quindi pronti ad uscire allo scoperto per proseguire.

yomawari_ss_05

Tra miti e leggenda

Come accade normalmente in ogni gioco, non è possibile correre all’infinito e in Yomawari ci ritroveremo spesso a dosare la corsa per non consumare l’indicatore della stessa rapidamente e quindi essere acciuffati e uccisi con estrema facilità. Non tutti i mostri sono visibili sullo schermo, per questo la torcia ci tornerà utile nel corso del gioco, sia per illuminarli e quindi svelare la loro presenza che per fare luce sul cammino in luoghi oscuri.

Ogni mostro presente in città varia non solo in aspetto ma anche in abilità, costringendoci in molti casi a improvvisare. Yomawari Night Alone è il classico horror game giapponese dove i mostri che pullulano la cittadina disabitata derivano da miti e leggende nipponiche, facendoci vestire i panni di un personaggio svantaggiato, il cui unico scopo è quello di sfuggire e nascondersi fino alla sua conclusione.

yomawari-night-alone-banner-scheda

Un Giappone terrificante

La città seppure di dimensioni contenute ha molto da offrire e si rivelerà sulla mappa con il progredire della storia, lasciando al giocatore il desiderio di esplorarla totalmente nonostante le minacce che la abitano. Ci ritroveremo più volte a visitare aree di gioco già viste in precedenza al fine di accedere a zone inizialmente inaccessibili. Tramite le statue di Jizo è possibile salvare la partita utilizzando le monetine trovate nel corso del gioco.

Nonostante Yomawari presenti una visuale isometrica, la bellezza del design lascerà incollati al gioco tutti coloro che sono appassionati del sol levante e delle sue terrificanti leggende, il tutto perfezionato da una colonna sonora e da effetti audio che si sposano alla perfezione con l’ambientazione, lasciando il giocatore frustrato quanto in allerta durante l’esplorazione di nuove aree. Un survival horror che come i grandi nel settore videoludico merita di essere giocato con cuffie di alta qualità per una maggiore impressione ed occhio agli scare jump!

4.5

Yomawari Night Alone nonostante presenti una trama scontata quanto banale ed un gameplay ripetitivo e con l'interazione ridotta all'essenziale, merita di essere acquistato e giocato fino in fondo, dimostrando di come anche nella semplicità è possibile dare vita ad un survival horror di tutto rispetto.

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Recensore, Tester, Blogger e Youtuber, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento videoludico

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato