Recensione Michael Jackson: The Experience (Wii)

Pubblicato da: noth1ng- il: 16-12-2010 10:30 Aggiornato il: 10-04-2018 15:08

Michael Jackson è stato un’icona del pop e probabilmente della coreografia, grazie ai suoi concerti dal vivo teatrali e curati nei minimi particolari. L’intenzione di Ubisoft era sicuramente quella di rendere omaggio ad un “pezzo di storia” della musica come lui e diciamo che ci sono riusciti solamente in parte. Michael Jackson: The Experience vi permetterà sicuramente di apprezzare e divertirvi con i vostri amici, eseguendo i passi di danza più conosciuti e non delle canzoni più famose di Jackson, ma allo stesso tempo non offre una particolare profondità di gameplay ed i controlli motion spesso non rispondono come dovrebbero. Vediamo di cosa stiamo parlando in questa nostra recensione.

Michael Jackson: The Experience è un gioco molto semplice da tutti i punti di vista. Voi ed altri tre amici, potrete da subito prendere il controllo del gioco e cominciare a muovervi al ritmo delle 26 canzoni offerte. Per giocare, dovrete semplicemente impugnare il Wii Remote e ripetere i movimenti del ballerino sullo schermo. Ognuno dei vostri movimenti sarà soggetto ad una votazione che, nella loro completezza, andranno a riempire gradualmente una barra in basso (rappresentata da delle stelle). A seconda di quante stelle avrete riempito alla fine della song, avrete quindi una votazione definitiva. Il problema sorge proprio nelle movenze motion, che spesso e volentieri non vengono interpretati a dovere dal gioco, dando una votazione bassa anche quando in realtà non dovrebbe accadere. Comunque, non dovrete preoccuparvi nemmeno di questo, in quanto non sarà possibile fallire a tutti gli effetti una canzone.

Il fatto che il gioco permetta di avanzare sempre e comunque, da un lato è sicuramente ben accetto. Le coreografie sono spesso molto complesse ed alcune delle mosse potrebbero sembrare anche impossibili a chi non è dotato delle abilità di Jackson. Potrete anche interpretare i movimenti dei ballerini “secondari”, che sono addetti a dei movimenti molto più semplici, ma sarà possibile solamente in un limitato numero di canzoni. Le movenze sono le più conosciute, con alcune novità introdotte dagli sviluppatori. Le canzoni comprese nel gioco saranno comunque estremamente divertenti da ballare. Tutte le hit più famose come Billie Jean, Thriller, Bad, Smooth Criminal e via dicendo, sono comprese e pronte per la vostra esibizione. Giocare con gli amici, inoltre, aggiungerà un buon livello di divertimento. Durante le canzoni dovrete darvi il cambio e mentre aspettate il vostro turno, potrete comunque canticchiare la canzone grazie ai testi che scorreranno sullo schermo.

Non esiste, sfortunatamente, una classica modalità Storia. Il gioco, infatti, prevede solamente due modalità. La prima è la Dance mode (quella base), che vi permetterà di scegliere la vostra canzone e quindi cominciare a ballarla. L’altra, è la Dance School. La caratteristica di questa modalità è ovviamente quella di imparare le movenze previste nel gioco attraverso dei video-tutorial che illustreranno al giocatore come fare stretching, riscaldarsi e appunto i passi più importanti. Tutto questo, però, dovrà stranamente essere sbloccato dal giocatore stesso completando le canzoni-tutorial con un certo numero di stelle.

A parte questo, non c’è nient’altro da vedere. Non c’è la minima traccia di contenuti speciali (magari video musicali, dietro le quinte o interviste). Insomma, un po’ pochino considerando che “The Experience”, farebbe pensare a qualcosa di molto più curato e profondo in termini, appunto, di esperienza.

Grafica7 – La grafica sembra essere ben curata. Mantiene uno stile sul 2D per quanto riguarda i background dei vari livelli (diversi a seconda della canzone, quindi magari per Black and White un terreno desertico e per Thriller un cimitero). Ogni volta che recupererete una stella, degli effetti visivi ve lo segnaleranno grazie ad un esplosione glitter che parte dalle mani di Michael.
Audio 7 – Buono anche l’audio, ovviamente. Non potrebbe essere diversamente.
Longevità 7 – Sìcuramente non quello che ci si aspettava da un titolo del genere. Poteva essere curato più nel dettaglio ed offrire molto di più, soprattutto ai fan più accaniti. In ogni caso, grazie alla possibilità di giocare fino in quattro giocatori, il divertimento è assicurato.
Giocabilità 5,5 – La vera e propria pecca di questo titolo va a riguardare proprio quel punto in cui non ne avrebbe dovute avere. I controlli motion spesso non rispondono, giudicando negativamente un movimento magari eseguito alla perfezione.

Totale 6,5 – Sìcuramente un titolo divertente, una grafica interessante accompagnata da una colonna sonora di carattere, verrebbe da dire, quasi “storico”. Insieme ai vostri amici sarà uno spasso da provare, ma allo stesso tempo qualche lieve nevrosi potrebbe accadere a causa dei controlli a volte troppo sballati. Un titolo che avrebbe meritato molto di più, ma che comunque riesce ad essere un ottimo omaggio al Re del Pop. La versione per Xbox 360 e Playstation 3 (che supporterà rispettivamente Kinect e Move) sarà disponibile nei primi mesi del 2011.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato