[Recensione] Max Payne 3

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 13-05-2012 10:11

In anticipo di una settimana rispetto all’uscita del gioco e di qualche giorno rispetto a quanto vi avevamo detto in un nostro precedente articolo, abbiamo deciso di condividere con voi la nostra recensione su Max Payne 3.

I fantasmi del passato

In Max Payne 3, Max, continuerà ad essere tormentato dai fantasmi del passato che lo perseguitano da tre capitoli. Max Payne non riesce ancora a perdonarsi di non essere riuscito a salvare sua moglie e sua figlia, assassinate brutalmente da una banda criminale in USA.

In questo terzo capitolo vedremo un Max Payne invecchiato, tormentato dai rimorsi e dai brutti ricordi, un ex poliziotto che non ha più nulla da perdere e che trova conforto negli alcolici e saranno questi ultimi a impedirgli di proteggere la giovane moglie di un importante e ricco politico del Brasile, rapita in una discoteca.

La missione di Max Payne sarà quella di salvare la giovane fanciulla rapita, in questo modo riuscirà a riscattare anche se stesso dai fantasmi e dagli errori commessi nel passato.

Un intelligenza artificiale fuori dal comune

In Max Payne 3, Rockstar ha deciso di introdurre un intelligenza artificiale davvero fuori dal comune. I nemici saranno molto più intelligenti non solo dei precedenti capitoli ma anche di tutti gli altri giochi attualmente in commercio. I terroristi brasiliani saranno in grado di organizzare delle vere e proprie tattiche, accerchiare Max Payne da differenti direzioni, uccidervi con un singolo colpo in testa, al cuore, alla schiena o ad altri punti vitali nonostante la vostra energia sia al massimo.

In Max Payne fare l’eroe potrebbe costarvi la vita. I nemici dovranno essere eliminati uno ad uno e bisognerà stare ben riparati, dimenticatevi quanto appreso nei primi due capitoli, una tipologia di gameplay dove era possibile eliminare decine di nemici semplicemente correndo verso di loro e sparando l’intero caricatore. In Max Payne 3 un azione simile potrebbe costarvi il gameover.

Armi a GO GO!

Come ogni capitolo della saga, anche in Max Payne 3 troverete numerose armi, pistole, fucili, mitragliette e quanto altro ancora. Una delle caratteristiche più interessanti, risiede non solo nella possibilità di utilizzare 2 armi contemporaneamente come ad esempio 2 pistole, 2 mitragliette e cosi via dicendo ma anche di avere in mano un fucile mentre nell’altra si spara con la pistola, in questo modo cambiare arma sarà molto più intuitivo e veloce.

In qualsiasi momento del gioco, basterà premere uno dei dorsali per accedere all’inventario delle armi dove selezionare quella da utilizzare. E’ possibile trasportare un totale di 6 armi circa.

E’ un arma dorata quella che vedo?

All’appello non potevano di certo mancare i collezionabili non trovate? In Max Payne vi sono 2 tipologie di collezionabili, degli indizi che sveleranno dei retroscena sulla trama e dei componenti che formano delle armi dorate come ad esempio il grilletto, il mirino e cosi via dicendo. Bisogna trovare in ogni livello tutte e 3 le parti che compongono una o avvolte due armi. Alcuni componenti sono ben visibili altri invece sono nascosti, per questo motivo bisogna spulciare ogni angolo del livello per trovarli tutti.

Una storia più o meno infinita

In Max Payne 3, la modalità storia è suddivisa in 3 parti per un totale di 2 DL per la versione Xbox360 e un Bluray per quella PS3. Ogni singola parte è composta da numerosi capitoli, a sua vota ogni livello è suddiviso in ore di puro divertimento e azione per una buona longevità.

Il team di sviluppo ha deciso di utilizzare dei filmati in stile novel per far comprendere ai videogiocatori dei dettagli sulla trama, un pò come accadeva con i precedenti capitoli con la differenza che non si tratta di fumetti ma di vere e proprie animazioni. In qualsiasi momento è possibile saltare i filmati per passare direttamente all’azione.

Un proiettile con il tuo nome!

Ritorna l’effetto Bullet Time che ha reso famosa la saga, decisamente migliorato rispetto al passato. Max ha l’abilità di rallentare il tempo in due differenti modi, premendo l’analogico destro o tuffandosi e sparando all’impazzata, spetterà al giocatore decidere in che modo utilizzare l’effetto Bullet Time per uscire da una situazione spiacevole.

Una delle caratteristiche che ci ha colpito di più del gioco e che lo rendono molto simile ad un Film è l’animazione di Max Payne che uccide l’ultimo nemico in gioco o di quando il giocatore principale viene ucciso dai nemici.  Come capire quando sono finiti i nemici in zona? Semplice, dalla musichetta che si dissolve e dall’animazione di Max che spara il nemico utilizzando un effetto slow motion.

Un Bullet Time per ucciderli tutti!

In Max Payne 3 troviamo una new entry, ossia il comparto multi giocatore competitivo. E’ possibile sfidare gli amici o giocatori di tutto il mondo eliminandoli a suon di proiettili e di bullet time. Come nella modalità storia anche nel multiplayer, è possibile utilizzare tale effetto. I giocatori potranno vestire i panni dei personaggi sia del terzo capitolo che di quelli precedenti con la possibilità di salire di grado e sbloccare nuovi equipaggiamenti. Il Multiplayer di Max Payne 3 non fa altro che aggiungere una sana dose di divertimento a quella già offerta dal comparto singolo.

Conclusioni :

Max Payne 3 ha tutte le carte in regola per essere uno dei capolavori del 2012, Rockstar ha fatto un lavoro impeccabile sia per quanto riguarda il comparto grafico che la trama e il gameplay cosa che purtroppo non possiamo dire per il doppiaggio e per i sottotitoli.

Pro :

Grafica eccellente
Un gameplay innovativo e divertente
Un comparto multiplayer coinvolgente

Contro :

Doppiaggio in lingua inglese
Presenza dei sottotitoli in portoghese quando i nemici parlando portoghese il che non ha molto senso
Un livello di difficoltà normale fuori dal comune

Voti :

Gameplay : 9.5
Sonoro : 9
Longevità : 9
Grafica : 9.5

Voto finale : 9.5

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Recensore, Tester, Blogger e Youtuber, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento videoludico

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato