Paper Mario The Origami King: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 15-07-2020 19:08

Una delle serie più celebri nel mondo Nintendo è sicuramente Paper Mario, la quale accompagna i giocatori fin dall’epoca del Super Nintendo.

Nel corso degli anni è stato pubblicato un nuovo capitolo per console, ed oggi vogliamo condividere con voi la Recensione di Paper Mario The Origami King, disponibile in esclusiva Nintendo Switch dal 17 Luglio 2020.

Abbiamo trascorso diversi giorni in sua compagnia ed è ora di tirare le somme, illustrandovi quello che il titolo ha da offrire.

Paper Mario The Origami King Recensione

Mario e Luigi arrivano al castello di Peach dopo aver ricevuto un invito dalla principessa, ma qualcosa non torna. La principessa Peach ha l’aspetto di un origami, il Regno dei Funghi è deserto e Mario viene intrappolato perchè si rifiuta di assumere la nuova forma.

Da li a poco scoprirete che dietro tutto questo c’è il malvagio Re Origami, da cui prende anche nome il titolo, il quale vuole sbarazzarsi del cartone per fare posto all’Origami, tramutando l’intero regno, dai sudditi di bowser agli amici dello sturalavandini. Il castello di Peach si solleva in aria, si colloca su una montagna e viene circondato da nastri colorati.

Mario dovrà affrontare l’ennesima avventura per sciogliere i nastri dai 5 regni che compongono il gioco, per poi raggiungere il castello e sconfiggere il Re degli Origami. Nel corso del lungo viaggio verrà accompagnato dalla sorella del Re e da altri personaggi minori, pronti a fornire il proprio supporto per consentire a Mario di portare a termine l’arduo compito affidatogli.

A differenza dei tanti titoli di Paper Mario proposti in passato, The Origami King sfoggia un mondo di gioco aperto e liberamente esplorabile, suddiviso in svariate località unite tra loro, con la possibilità di spostarsi di zona in zona attraverso i tubi, il fax ed altri mezzi di trasporto.

La città del Regno dei funghi funge da Hub dove poter accedere a vari negozi, il museo che include le proprie collezioni e personaggi con i quali interagire. Esplorando gli scenari vi imbatterete in Toad da trovare e salvare, personaggi con cui dialogare, commercianti ambulanti, strappi da riparare, bauli da aprire contenenti statuette da collezionare e nemici di ogni sorta.

I nemici variano a seconda dello scenario nel quale vi trovate, ognuno con i suoi punti deboli ed abilità. Il gioco si suddivide in esplorazione e combattimenti a turni e ondate. Nella prima fase potrete colpire i blocchi contenenti monete, aprire forzieri, riparare gli strappi, trovare i Toad e riportarli alla luce, accumulare carta e monete da usare per vari scopi e ammirare i chiari riferimenti ad alcuni giochi della saga. Nella seconda fase invece affronterete dei combattimenti in arene il cui pubblico è composto dai Toad salvati.

I Toad una volta recuperati possono offrire a Mario dei bonus investendo le monete richieste. Gli scontri avvengono sostanzialmente in due fasi, nella prima bisogna ruotare gli anelli per allineare i nemici, nella seconda invece usare gli oggetti a disposizione per attaccarli.

Mario può sempre contare sul martello e le scarpe basi, ma nel corso dell’avventura vi è la possibilità di acquistare o trovare strumenti più potenti ed efficaci ma che col tempo si rompono. Oltre scarpe e martello è possibile utilizzare i funghi per ripristinare la salute, le piante per sparare fuoco, amuleti in grado di conferire agevolazioni di vario tipo ed altro ancora.

Le monete ricoprono un ruolo molto importante, perchè oltre a permettere a Mario di avere l’aiuto del pubblico nei combattimenti, consentono di acquistare nuovi oggetti consumabili e amuleti vari, risolvere automaticamente gli enigmi più ostici e spenderli in molti altri modi, le possibilità sono tante, per cui vi ritroverete a raccogliere il maggior numero di monete durante il vostro lungo viaggio che vi porterà ai titoli di coda. Colpendo ogni oggetto vi capiti a tiro questo vi restituirà dei fogli di origami, da utilizzare per riparare gli strappi negli scenari.

I fogli possono essere trasportati in un pratico sacchetto che nel corso dell’avventura aumenta in capienza. Mario inizialmente avrà a disposizione un numero limitato di cuori, raccogliendo gli speciali potrete incrementare il contatore, senza contare l’aiuto in battaglia che conferisce all’idraulico maggiore vitalità o resistenza ai danni. In qualsiasi momento potrete consultare la mappa, le missioni attive, i collezionabili e Toad salvati, gli oggetti, amuleti e tutto ciò che riponete nell’inventario.

Non mancano di certo all’appello i Boss con i quali dovrete vedervela in combattimenti a turni che oltre alle basi che apprenderete ad avventura iniziata, saranno presenti degli attacchi speciali e meccaniche da padroneggiare per non finire K.O al primo colpo subito. Dovrete pensare attentamente su come spostarvi nell’arena, al fine di raccogliere gli oggetti oppure ottenere dei suggerimenti utili, attivare dei meccanismi e raggiungere il Boss per colpirlo nei punti deboli, il tutto tenendo presente che vi è un timer che scade e può essere incrementato pagando con delle monete.

Ogni regno presenta 2 boss, uno che vi permette di proseguire verso il nastro da sciogliere e l’altro a custodia dello stesso, senza contare i numerosi combattimenti nei quali vi imbatterete strada facendo, anche se il più delle volte possono essere aggirati dato che i nemici sono ben visibili nella scena. Non è presente l’esperienza e di conseguenza non livellerete, ciò vi porterà spesso ad ignorare i combattimenti superflui per dedicarvi all’esplorazione. Sul fronte grafico il titolo presenta lo stesso stile che da sempre contrattistingue la serie, con l’aggiunta del 3D dovuto alla presenza degli origami. Da elogiare il comparto audio con melodie che richiamano alcuni vecchi titoli di Super Mario Bros in chiave moderna, piacevoli da ascoltare e che si sposano alla perfezione con l’evento o luogo.

Inutile dire che la longevità del titolo è estremamente generosa, data anche dalla ripetitività e presenza di momenti i quali arricchiscono la trama principale ma che fanno solo da contorno, il più delle volte in modo forzato, quasi a voler intrattenere il giocatore il più a lungo possibile. Sostanzialmente Paper Mario The Origami King non vi deluderà se siete appassionati della saga e non temete i combattimenti a turni.

Paper Mario The Origami King Gameplay Trailer

  • 8.5/10
    Grafica - 8.5/10
  • 7.6/10
    Gameplay - 7.6/10
  • 7.5/10
    Trama - 7.5/10
  • 8/10
    Sonoro - 8/10
  • 8.4/10
    Longevità - 8.4/10
8/10

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato