MotoGP 21: Recensione, Gameplay Trailer e Screenshot

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 25-04-2021 8:37 Aggiornato il: 26-04-2021 6:22

A distanza di un anno da MotoGP 20, quest’oggi vogliamo condividere con voi la Recensione di MotoGP 21, disponibile da qualche giorno su PC, PS3, PS5, Xbox One, Xbox Series e Nintendo Switch, con la possibilità dunque di giocarlo su console di nuova generazione con tutte le dovute migliorie.

MotoGP 21 Recensione

Al primo avvio dovrete crearvi il pilota, con la possibilità di scegliere una manciata di opzioni, dal tipo di volto al numero, l’età, nazionalità e nominativo, per poi cimentarvi nel Tutorial opzionale, il quale vi permette di apprendere le meccaniche, nel caso siate neofiti. Da elogiare la scelta, rispetto altri giochi, di poter saltare il Tutorial per raggiungere subito il menu principale, da dove accedere a Modalità veloci, Carriera, Multigiocatore, Personalizzazione, Opzioni e Contenuti Scaricabili.

Si parte con le Modalità veloci, le quali si dividono in Gran Premio, Prova a Tempo e Campionato, che rispetto alla Carriera sono pensate per i giocatori che ricercano delle competizioni rapide contro il computer, giri di prova e tornei meno profondi e impegnativi in termini strategici. Indipendentemente dalla modalità scelta, potrete selezionare il pilota desiderato, impostare aiuti alla guida e varie opzioni, come il numero di giri, il meteo e naturalmente la difficoltà degli avversari.

Avete dunque la possibilità sia di gareggiare con le opzioni settate su realismo, quindi senza aiuti alla guida, difficoltà degli avversari elevata ed altri fattori, che farvi delle competizioni tranquille e con tutti gli aiuti possibili, nel caso siate neofiti, riducendo di conseguenza la difficoltà degli avversari, avendo manforte in accelerazione, freno e disponendo della traiettoria ideale per avere la meglio sugli avversari, la cui intelligenza artificiale per quanto ottimale sia, viene leggermente a mancare dando la precedenza al giocatore inesperto.

Chiaramente il cuore pulsante dell’intera esperienza risiede nella modalità Carriera, profonda, completa ed estremamente longeva, dove non basta scendere in pista e vincere ma dovrete gestire il vostro team, la moto e molto altro. Verrete affiancati da un manager personale che si occuperà di trovarvi dei contratti con team ufficiali, scenderete in pista per dei test oltre che le qualificazioni pre-gara, avrete la possibilità di entrare in contatto con la casa madre per chiedere supporto o migliorie per la vostra moto, oltre la possibilità di fondare un team junior e gestire ogni aspetto.

Potrete dunque modificare, potenziare e migliorare la moto in base alle vostre esigenze, stipulare contratti, farvi un nome e scalare le classifiche per diventare qualcuno. Verrete contattati nel corso della Stagione da varie aziende, si tratta dunque di una modalità pensata per chi ha del tempo libero da dedicare al gioco motociclistico di Milestone. Naturalmente la Carriera può essere affrontata scegliendo una delle categorie disponibili tra Moto 3, Moto 2 e Moto GP, quest’ultima più competitiva.

Abbiamo indubbiamente apprezzato la generosa presenza di personalizzazioni nel titolo. Potrete modificare il pilota, i caschi, i numeri, il team, gli adesivi del pilota e della squadra. Il pilota è personalizzabile in casco, numero, adesivo, guanti, stivali, saponette, tuta, stili di guida e con la possibilità di scaricare anche dei contenuti aggiuntivi, ma la cosa più interessante risiede nella possibilità di personalizzare anche sponsor, livrea, carena, cerchioni, tuta e di creare i propri adesivi e numeri tramite un editor grafico avanzato, un pò come avviene con la serie Forza Horizon o Forza Motorsport.

Chiaramente se siete amanti della competizione non poteva di certo mancare all’appello il multiplayer online, con la possibilità di sfidare gli amici in sessioni private o di cimentarsi in gare online contro giocatori casuali. Molto generose anche le Opzioni, le quali si dividono in hud, immagine, audio, comandi e collegamento del profilo Moto GP. Avrete la possibilità come anticipato di attivare numerosi aiuti alla guida, al fine di personalizzare al meglio la vostra esperienza. Rispetto le scorse edizioni l’intelligenza artificiale degli avversari ha fatto notevoli passi avanti, risultando meno invadente ed aggressiva, con comportamenti più realistici ed umani.

Se in passato la Moto GP era paragonabile ad un Destruction Derby, con la nuova edizione potrete gareggiare mettendo alla prova le vostre abilità senza ritrovarvi fuori pista o a terra a causa del comportamento anomalo degli avversari. Tutto bello, ma come si comporta sul fronte tecnico? Il titolo su console di nuova generazione sfoggia un comparto grafico lodevole per le vetture, con un rombo realistico e senza scendere a compromessi con la stabilità che risulta ottimale e stabile per l’intera durata di una gara, merito sopratutto del lavoro svolto da Milestone nel migliorare l’esperienza offerta dal titolo, al fine di creare un giorno il Moto GP definitivo.

MotoGP 21 Gameplay Trailer

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato