Nintendo pronta a cause legali

Nintendo denuncia gli autori di Yuzu: L’emulatore della Nintendo Switch

Non è la prima volta e di certo non sarà l’ultima, che porta Nintendo a fare causa, denunciare o comunque muoversi in modo legale nei confronti di chi viola il copyright o favorisce la pirateria dei suoi giochi e manomissione delle console.

In passato abbiamo visto più volte Nintendo in azione, contro modder, creatori di contenuti, hacker di modifiche e siti per il download di ISO e ROMS dei suoi giochi. Oggi è toccato agli autori di Yuzu, il celebre emulatore che permette di eseguire giochi Nintendo Switch su PC.

Prima di proseguire nella lettura, avete già saputo Denuvo approda su Nintendo Switch: Una Nuova era nella Protezione Anti-Pirateria

Nintendo chiede un risarcimento agli autori di Yuzu

Stando a quanto affermato da Nintendo, Yuzu permetterebbe di bypassare illegalmente le misure di crittografia implementate nei software Nintendo, consentendo di giocare con copie pirata su PC. La compagnia giapponese, guidata dal presidente Furukawa, richiede un risarcimento bello sostanzioso agli autori di Yuzu per violazioni commesse dall’emulatore, il quale ha permesso a molti di eseguire Tears of the Kingdom anche prima del suo rilascio ufficiale.

E non è tutto, a quanto pare Nintendo vuole anche un risarcimento per i danni causati dagli spoiler del suo gioco, essendo stato giocato in anteprima da molti, come detto. Ovviamente oltre il risarcimento monetario viene fatta esplicita richiesta di chiudere l’emulatore, quindi annullare supporto e sviluppo. Ovviamente gli autori di Yuzu non sono rimasti con le mani in mano, ma hanno affermato che il loro progetto non favorisce la pirateria ma è solo a scopo di ricerca e sviluppo.

A Nintendo questa giustificazione non è andata giù, al punto che è decisa a proseguire la sua causa legale per percepire quanto richiesto, dai danni causati dalla pirateria allo spoiler, oltre ovviamente la violazione di copyright. Non è la prima volta che casa Kyoto si muove nei confronti di pirati, modder, hacker e sviluppatori di emulatori.