Gran Theft Auto 5 mette in ginocchio i server Sony

Pubblicato da: x0xShinobix0x- il: 20-09-2013 9:01 Aggiornato il: 20-09-2013 9:07

GTA5

E’ bastata l’uscita di GTA 5 digitale per mettere in ginocchio i server di Sony, per la precisione il Playstation Network di PS3 che non è riuscito a far fronte all’alto numero di download effettuati, per la versione digitale del gioco.

Il crollo dei server

Il 17 Settembre 2013, giorno di lancio di GTA 5, si sono verificati dei rallentamenti dei server Sony, tanto che molti utenti, non sono riusciti a scaricare nell’immediato, la copia digitale di GTA 5, acquistata regolarmente.Sony attribuisce questo problema, al sovraccarico dei server  per via delle numerose richieste simultanee, ma si sa che i server del PSN non sono dei migliori.

Scopriamo insieme le parole di Sony, in merito a tale vicenda :

Se vi capita di visualizzare l’errore 80029564, non preoccupatevi, non si tratta della vostra console ma di un problema di connessione. In pratica, non riuscite a connettervi al server e quindi a scaricare il gioco. Le ragioni potrebbero essere molteplici. Una delle soluzioni per risolvere il problema, sarebbe quella di attendere che i server siano meno occupati e riprovare in seguito, oppure riavviare più volte il proprio router.

GTA 5 : Gioco del secolo

GTA 5 entrerà sicuramente nella storia, come il titolo con il maggior numero di incassi già nel dayone. Pare che la software house, solo con i preordini, abbiamo coperto già la somma spesa per la produzione del titolo, inoltre con le vendite effettuate nel dayone, ha raggiunto oltre 800 mila dollari di incassi!  Un titolo che il 90% dei giocatori, aspettava con ansia, e finalmente è tra noi! Per coloro che non lo sanno, GTA 5 è disponibile attualmente su Xbox360 e PS3, ma Rockstar sta pensando di portarlo in futuro su PC, Xbox One e PS4. Per ora sono solo ipotesi, ma le petizioni si stanno diffondendo sulla rete a vista d’occhio.

Non ci resta che attendere e sperare come si suol dire.

Commenti (1)

  1. il numero di virgole in questo articolo è dannatamente troppo alto D:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato