Final Fantasy 17 tra pixelart e combattimenti a turni

Final Fantasy 17 tornerà alle origini?

Dopo Final Fantasy 16 si sta già pensando a come proseguire la saga, tuttavia alcune considerazioni espresse dal suo autore in occasione di una recente intervista, indicano un possibile ritorno alle origini, tra pixelart e combattimenti a turni.

Final Fantasy 17 proporrà grafica e meccaniche originali?

Nonostante il sedicesimo capitolo abbia diviso i fan con le sue scelte stilistiche e di gameplay, Yoshi-P sembra indicare che un ritorno alle origini, con un’arte in pixel, potrebbe rappresentare una mossa rivoluzionaria. In un mercato dominato da grafiche avanzate e stili artistici moderni, l’idea di un nuovo Final Fantasy in pixel art potrebbe suscitare un profondo interesse tra i nostalgici e i nuovi giocatori.

Le parole di Yoshi-P hanno aperto la porta a un dibattito appassionante sulla direzione futura della serie. In un’industria che spesso abbraccia l’innovazione tecnologica, l’idea di ritornare a uno stile grafico retrò potrebbe essere audace ma affascinante.

L’idea di un gioco che mescola azioni in tempo reale e azioni a turni, mantenendo un’estetica in pixel art, potrebbe essere la chiave per conquistare sia i fan più accaniti della serie che i nuovi giocatori. Yoshi-P incoraggia a esplorare nuove idee e a mettere su carta ciò che potrebbe rendere un futuro Final Fantasy ancora più divertente.

Anche se è presto per dire se Final Fantasy 17 adotterà effettivamente la pixel art, è interessante notare che Square Enix ha già avuto successo con giochi che abbracciano questo stile, come l’acclamato Octopath Traveler 2.

Alla luce di quanto detto, dunque, Final Fantrasy 17 potrebbe tornare agli albori, quando nei primi capitoli della serie avevamo di fronte un comparto grafico pixelart ed un sistema di combattimento a turni, caratteristiche che hanno contraddistinto la saga nel corso degli anni, e che sono state abbandonate nel corso dei vari episodi, fino al più recente episodio.