Assassin’s Creed II

Pubblicato da: matrixneo84- il: 19-12-2009 1:35 Aggiornato il: 31-08-2015 15:34

Uno splendido sequel, forse il più bel gioco del 2009, sicuramente uno dei più bei titoli di sempre

un viaggio nel passato per salvare il futuro

Sono rimasto senza parole appena ho iniziato a giocare: non solo un’accurata ricostruzione storica, l’universo che abbiamo davanti sembra avere vita propria! Sono queste le prime impressioni che il gioco mi ha fornito e continuando ho potuto constatare quanto sia coinvolgente quest’esperienza videoludica: da paura!

Mi passano per la mente anche le parole del celebre compositore Hans Zimmer, il quale pochi giorni fà ha dichiarato che i videogiochi sono una forma d’arte: e quale miglior esempio di un gioco come questo?

E l’evoluzione preannunciata è stata concretizzata in questo solido sequel: molto più coinvolgente, il protagonista ha una sua storia e chi non vorrebbe essere nei panni di Ezio Auditore, in un mondo in cui anche gli Assassini possono considerarsi nobili se si battono per una giusta causa. Nessuno è innocente, anzi la corruzione dilaga tra le più alte cariche di Firenze, Venezia e Roma.

Entrare nel clima di Assassin’s Creed significa approfondire eventi storici che fino ad ora avevamo letto sui libri, immaginare la vita cittadina nel Medioevo, notare come siano cambiate le città nel corso dei secoli: l’uscita del gioco poi era stata anticipata da uno splendido cortometraggio (Lineage), che introduceva la vita del padre di Ezio e la sua appartenenza all’ordine degli Assassini.

Sentiremo spesso parlare nel corso della nostra avventura di Templari, Cospiratori, Ladri: la nostra indagine si focalizzerà nello smascherare, prima di tutto, chi si è reso responsabile del complotto nei confronti della famiglia Auditore, e il nostro nemico numero 1 sarà lo spagnolo, Rodrigo Borgia, futuro Papa di Roma.

Analizziamo punto per punto i vari aspetti di Assassin’s Creed II:

Grafica:

Realismo ai massimi livelli, realizzazione delle città impeccabile: il motore grafico funziona alla grande e non notiamo rallentamenti, inoltre unici tempi di attesa li abbiamo solo quanto cambiamo città oppure entriamo/usciamo dall’Animus (la macchina che rende possibile il viaggio nel tempo).

Sonoro:

La colonna sonora di Jesper Kyd aggiunge quel tocco da fuoriclasse che aumenta incredibilmente la nostra esperienza: semplicemente sublime! E vorrei poi notare, sempre riguardo al comparto audio, un particolare simpatico: le canzoni dei musicisti di strada che spesso ci fermeranno, sicuramente vi strapperanno un sorriso…ricordatevi però di ricompensarli con qualche moneta 😀

Giocabilità:

Impossibile dimenticarsi i tasti: le varie azioni possibili saranno segnalate in alto a destra. Per quanto riguarda le mosse speciali dovrete seguire passo passo le istruzioni del maestro alla Villa di Monteriggioni.

Longevità:

La storia principale non dura tantissimo ma considerando le missioni secondarie, i tesori, le corse, le tombe degli Assassini e gli enigmi dei Glifi (oltre che le Piume ecc…) avrete molto da fare: considerate poi le 2 espansioni che verranno tra qualche mese (completeranno le sequenze mancanti 12 e 13)!

Novità:

La presenza di puzzle come quelli dei Glifi arricchisce notevolmente la varietà di contenuti che il gioco offre: alcuni enigmi saranno semplici, altri più complessi. Forse però la parte più difficile sarà la localizzazione dei Glifi, dovrete guardare con attenzione in modalità “Occhio d’Aquila“.

Per certi versi ancora più difficile sarà trovare le 100 piume sparse tra le varie città (esclusa Roma); le tombe degli Assassini saranno una piacevole scoperta, vi sentirete un pò Lara Croft e un pò Prince of Persia.

Prima di passare al giudizio finale volevo analizzare ancora alcune cose:

Cinematic:

Divertenti, ironiche, tristi: ciò che forse mancava maggiormente al primo capitolo era ispirare questo sentimento di empatia nei confronti del protagonista. Inoltre i dialoghi sono molto curati e la localizzazione in Italiano merita di per sé l’acquisto del titolo: e poi non siete curiosi di parlare con Leonardo Da Vinci?

Menu dell’Animus 2.0

Mettendo pausa entriamo nel fantastico mondo virtuale della nostra macchina: la versione 2.0 dell’Animus è ancora più avanzata, peccato però che manchi la possibilità di rigiocarsi le missioni (per chi è patito come me di obiettivi Xbox 360, mi raccomando sbloccate l’obiettivo calcio volante nell’unica missione con la macchina di Leonardo altrimenti sarete costretti a ricominciare da capo!!!).

-Obiettivi

Per un totale di 1000 punti, niente di impossibile: anzi forse troppo facili! in attesa di sapere quali saranno quelli delle espansioni… Vi ricordo poi che alcuni obiettivi sbloccano dei contenuti speciali nello shop di Ubisoft quali pugnali da lancio extra, la cripta degli Auditore, l’abito di Altair e il tema per l’X360.

Giudizio Finale: 9,5

Grafica 9,5: un voto alto considerando anche quanto sia accurata la ricostruzione delle città: Firenze, Forlì, Venezia, San Gimignano, Roma oltre che la villa di Mario Auditore.

Sonoro 9,5: una colonna sonora che non dimenticherete, una città più viva che mai!

Giocabilità 9:  Controlli fantastici!!!

Longevità 9:  Considerando le missioni secondarie e le future espansioni non ci possiamo comunque lamentare!

Novità 9,5: Sì impone nel panorama videoludico, possiamo benissimo parlare del gioco come il GTA del medioevo; la presenza di minigiochi è una piacevole scoperta: sarete in grado di scoprire la Verità?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato