Il Cloud Gaming arriverà negli eSports?

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 22-01-2019 13:31 Aggiornato il: 22-01-2019 13:37

Da qualche tempo a questa parte il Cloud Gaming sta prendendo sempre più il sopravvento sul RETAIL (formato fisico) e il digitale tradizionale, basta volgere il proprio sguardo a piattaforme come Playstation NOW, TIMGAMES, GeForce Now e molte altre.

Il Cloud Gaming anche negli eSports?

Il futuro del Gaming risiede nel mercato digitale, notizia che rattrista ed irrita i collezionisti ed amanti del formato fisico, dopotutto chi non è cresciuto con schede JAMMA, cartucce e dischi vari? Le console di prossima generazione quali PS5 e Xbox Scarlett o Anaconda (nomi provvisori) potrebbero abbandonare il formato fisico,  seguendo le orme del Gaming su PC iniziate dalla nascita di Steam.

Secondo delle voci di corridoio pare infatti che le suddette console verranno inizialmente commercializzate in duplice versione (con e senza supporto ottico), dopo di che le future versioni delle stesse potrebbero abbandonare definitivamente il formato fisico, abituando gradualmente i giocatori.

Scopri Gli eSports più promettenti del 2019

Il formato digitale è indubbiamente più comodo del fisico, porta con se molti vantaggi, tra cui:

  • Possibilità di pre-caricare (scaricare in anticipo) il gioco per lanciarlo in D1 (giorno di uscita)
  • Possibilità di acquistare, scaricare, installare e naturalmente giocare titoli provenienti da qualsiasi nazione (a patto che non vi sia il REGION LOCK su console) senza dover attendere l’arrivo del gioco o pagare eventuale dogana   
  • Risparmiare spazio prezioso in casa ma occuparlo digitalmente 
  • Conservare la propria collezione di giochi su dispositivi esterni, portando con se in caso di viaggio solo un hard disk piuttosto che numerosi titoli fisici
  • Possibilità di condividere lo stesso gioco con un amico o parente per giocarlo simultaneamente 

Naturalmente il formato fisico ha il vantaggio del collezionismo, se volete stupire qualcuno non mostrategli un hardisk con 400 giochi ma una collezione di 200 giochi fisici, il numero è minore ma l’impatto sarà differente, sopratutto se si tratta di edizioni limitate.

I giocatori PC da tempo oramai hanno abbracciato il digitale, grazie alle piattaforme menzionate tra cui STEAM, quelli che giocano su console faranno maggiore fatica ad accettare il fatto che in futuro il retail potrebbe scomparire, non solo nel settore videoludico ma anche musicale e cinematografico.

Dal Retail si è passato al Digitale e in quest’ultimo periodo al Cloud Gaming, ossia la possibilità di accedere ad un vasto catalogo di giochi online pagando un abbonamento. In altre parole il giocatore pagando una quota mensile o annuale, può accedere ad un vasto catalogo di giochi in continua espansione, giocabili comodamente online senza il bisogno di scaricarli, a patto di possedere una FIBRA che consenta di giocare in streaming senza cali di prestazioni.

Cosi facendo anche il problema di acquistare più hard disk per conservare tutti i giochi o attendere il download degli stessi per giocare, scomparirà grazie al Cloud Gaming.  Si parlava recentemente dell’introduzione della suddetta tecnologia anche negli eSports, offrendo ai partecipanti la possibilità di giocare comodamente Online, accedendo al gioco da una piattaforma o server.

Cosa ne pensate? Siete per il retail, digitale o cloud gaming?

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Termini di ricerca:

  • ps5 gioco streaming