Anteprima Napoleon: Total War

Pubblicato da: noth1ng- il: 26-11-2009 11:06 Aggiornato il: 31-08-2015 15:34

La serie di Total War ha sempre avuto un ottimo successo immergendo il giocatore in epiche battaglie strategiche. Con questo nuovo titolo, gli sviluppatori (Creative Assembly) hanno voluto mettere Total War sotto il microscopio, analizzando la più corta (ma pur sempre leggendaria) storia di Napoleone Bonaparte invece che offrire delle campagne basate su periodi di tempo molto più lunghi. Scopriamo meglio Napoleon: Total War.


Questo titolo, inizialmente, doveva essere una semplice espansione per Empire: Total War ed anche se offre le stesse battaglie in real-time e battaglie a turni, gli sviluppatori hanno voluto discostare leggermente Napoleon dal resto della serie. Invece che farvi prendere in mano un’intera nazione che deve conquistare il mondo conosciuto attraverso battaglie di molti anni, stavolta tutto sarà basato su una singola storia: quella di Napoleone. In ogni caso, gli sviluppatori hanno subito chiarito che saranno presenti tutti gli aggiornamenti da Empire e dalla patch 1.5. Questi includono diversi miglioramenti all’intelligenza artificiale che rendono il computer molto più aggressivo e realisticamente difficile da affrontare.

Parliamo della Battaglia di Austerlitz. Questa guerra sarà parte della campagna che in primo luogo vuole raccontare la storia del generale\imperatore, ma se volete potrete utilizzare una delle altre nazioni offerte. Nella dimostrazione è stato possibile vedere le forze Russe suna collina con della militia armata di fucile, cavalleria e dei cannoni. Al contrario dei giochi precedenti, Napoleon, offrirà ben 355 tipologie di unità militari. Ogni singola unità sarà distinta da abilità, statistiche e raggio di fuoco (anche le unità uguali ma di differenti nazioni avranno attributi diversi. Ad esempio la militia Britannica sarà differente dalla militia Russa o Francese). Questa novità, oltre ad aggiungere più profondità al gioco, spinge i giocatori a conoscere meglio le proprie forze militari, sia per le loro forze che per le loro debolezze. Gli sviluppatori hanno addirittura aumentato il numero di “visi random”, rendendo quasi impossibile incontrare due soldati identici.

Durante la battaglia, le due nazioni si sono scontrate e sono morte per i loro rispettivi comandanti ed è stato possibile notare alcune delle nuove caratteristiche del gioco. In particolare il nuovo effetto particelle, che darà un tocco di realismo in più, aggiungendo elementi meteo come la neve. Il meteo non avrà scopo esclusivamente estetico, ma influirà anche sul morale delle unità e sulla visibilità in gioco. Anche il fumo di un cannone appena utilizzato, potrà oscurare la visibilità, così come il “terreno” dove una palla di cannone ha impattato. L’engine revisionato include anche delle mappe che indicheranno più chiaramente le unità nemiche sulle alture (un aspetto molto importante per il morale delle unità e la visibilità). Anche l’interfaccia di gioco è stata modificata, rendendola molto più piccola ed essenziale.

Durante le battaglie ci saranno molti più effetti importanti. Ad esempio, un’unità che è appena passata di livello sarà indicata con un gallone sopra la sua testa. Oltre a questo, altri particolari effetti sono stati aggiunti per semplificare la vita ai novizi e rendere più intuitivo il tutto. Se, per esempio, manderete alla carica la cavalleria contro un denso numero di fanteria, probabilmente i cavalli si gireranno e cercheranno di disarcionare i propri fantini. Inoltre, se la vostra cavalleria è sotto fuoco nemico ed un fantino viene colpito, potrete effettivamente vederlo morire in sella e venire trascinato per una gamba impigliata nella staffa dal povero animale preso dal panico.

Passiamo quindi al gameplay ed alle visuali. Prima di tutto bisogna ricordare che in questo titolo saranno presenti dei generali sul campo (in modo da rispecchiare lo spirito di Napoleone) che, grazie ad uno specifico comando, potrà dare un potente bonus morale alle unità vicine. I generali avranno anche dei “poteri” sulle unità amiche (da usare con giudizio, dato che possono effettivamente cambiare le sorti di una battaglia). Per esempio, Napoelone potrà alzare immediatamente il morale di un’unità, oppure infondere dei bonus di combattimento alle unità scelte. Anche se questi bonus sono sicuramente molto utili in battaglia, portare il vostro generale in prima linea, ha i suoi grandi rischi.

Nel caso di Napoleone, dato che la campagna è stata costruita intorno a lui, se verrà ferito una volta sarà mandato a Parigi per un buon periodo di tempo, ma se dovesse venire ferito una seconda volta, morirà. Tutti gli altri generali che verranno feriti, moriranno direttamente in battaglia se colpiti. Se questo dovesse accadere, le unità di quell’esercito subiranno una penalità morale altissima, molto più importante che nei giochi precedenti. Questa novità fa parte delle migliorie apportate all’intelligenza artificiale. Ad esmepio, difendere una roccaforte sotto assedio sarà molto più difficile dato che i nemici saranno molto più aggressivi. Lo stesso vale per i “punti deboli” che i nemici riusciranno ad utilizzare a loro vantaggio molto meglio e molto spesso.

Il gioco avrà cinque campagne in tutto: un tutorial che racconterà l’inizio della scalata ai ranghi militari di Napoleone dal 1778 al 1793; l’assalto al Nord Italia dal 1796 al 1797; la conquista dell’Egitto ed il Nord Africa nel 1798; le campagne in Europa dal 1805 al 1812 ed ovviamente la Battaglia di Waterloo, Domenica 18 Giugno del 1815. La battaglia del Cairo prende luogo nella terza parte della campagna. Durante il tutorial e le campagne in Italia, Napoleone sarà malamente equipaggiato ed il suo successo non è sicuro. Ma, dopo la presa del Nord Italia, Napoleone comincerà le campagne in Egitto come militare d’alto rango al cui seguito ci saranno delle unità elite di Francesi. Ma a quel punto non potrà reclutare più soldati Francesi e sarà costretto a farsi amici i Beduini locali per avere forze alleate.

I campi di battaglia in Nord Africa saranno molto differenti da quelli in Europa (questa battaglia in particolare, il Cairo, prenderà luogo in un deserto con un sole pungente e quella che sembrerebbe una tempesta di sabbia). La località sabbiosa ed il caldo, penalizzeranno molto qualsiasi unità non abituata a questo tipo di clima e solamente gli “indigeni” del luogo riusciranno a marciare tranquillamente.

Passiamo all’aspetto più strategico del gioco. La componente a strategica a turni sarà presentata sotto un aspetto molto più “realistico” questa volta. Infatti, i turni saranno molto più brevi (rappresenteranno solamente 2 settimane invece che 6 mesi) e proprio per questo, non sarete in grado di rinforzare il vostro esercito o ricevere soldi dai vostri possidimenti. Inoltre, il meteo giocherà una parte molto importante. Ad esempio, durante l’inverno, i vostri possedimenti agricoli produranno molto meno e quindi la vostra armata troverà molte più difficoltà nella marcia.

Le difficoltà non finisco qui. Le armate avranno molta difficoltà a marciare in territorio nemico senza punti di riposo “amici” e questo decimerà il loro morale ed i loro ranghi. E’ per questo motivo che dovrete familiarizzare con il nuovo sistema di approviggionamenti di Napoleone che vi lascerà sviluppare le vostre città in dei depositi di rifornimenti, ricercando dei granai più grandi ed altre riserve di cibo. Dovrete cercare di far camminare la vostra armata il più possibile in territorio amico, in modo che le vostro possibilità di successo aumentino considerevolmente. Aspettatevi anche delle novità per quanto riguarda le unità strategiche. Sarà presente un’unità spia con delle abilità furtive ed i “gentlemen” potranno essere inseriti nelle nazioni nemiche atteggiandosi a radicali per smuovere il malcontento della popolazione.

Anche se questi sono tutti miglioramenti e novità molto interessanti, probabilmente la cosa più attesa di questo titolo è l’opzione “drop-in” multiplayer, che potrete abilitare o disabilitare durante le vostre partite. Se lascerete quest’opzione abilitata, potrete proseguire la campagna non contro il computer, ma sfidando un giocatore umano via Steam, che potrebbe rendere le cose molto più interessanti. Gli sviluppatori sono sicuri che questo sistema (assolutamente random, in grado di trovare sia un avversario facilmente scavalcabile che un veterano della battaglia) aggiungerà moltissimo all’esperienza di gioco.

Per chi, poi, ha una vena artistica, sarà contento di sapere che Napoleon sarà distribuito con dei tools per la creazione di unità personalizzate. In ogni caso, non è stato ancora determinato se il gioco avrà anche altri strumenti di editing. Napoleon: Total War ha moltissimo da offrire, sia ai giocatori più esperti che ai novizi del genere e se anche voi lettori non vedete l’ora di provarlo, non vi resta che aspettare la sua distribuzione il 2 Febbraio 2010, esclusivamente su PC.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato