Antifurto casa: tutti i consigli per sfruttare tutte le potenzialità

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 20-06-2018 16:42 Aggiornato il: 29-01-2020 18:36

L’antifurto casa ha diverse potenzialità ed è importante saperle sfruttare tutte per ottenere il massimo dei risultati. Ad esempio, sai che le centraline degli allarmi si possono collegare alla stazione dei Carabinieri? Vuoi sapere cosa si deve fare?

Collegamento d’allarme al 112

Sicuramente, se possiedi una casa o un’attività e vuoi installare un allarme per casa, ti sei chiesto come devi procedere, cosa sei tenuto a fare per poterti collegare al 112.

Se acquisti il tuo antifurto casa su antifurtocasa365.it non avrai nessun genere di problema perché il collegamento ai Carabinieri è gratuito. Comunque sia, giusto per conoscenza, voglio dirti come devi procedere.

Per prima cosa devi scaricare un modulo che si trova sul sito ufficiale dei Carabinieri e, ovviamente, lo devi compilare indirizzandolo al Comando di Compagnia Provinciale Competente per territorio. Se hai dubbi puoi consultare sempre internet per avere tutti i dati necessari. A questo modulo dovrai allegare il certificato di omologazione dell’impianto d’allarme.

Oltre agli estremi dell’interessato (tu) devi dichiarare:

  • Se l’antifurto è situato in un’abitazione privata o se in un esercizio pubblico;
  • L’esatta ubicazione;
  • Devi comunicare il contenuto del messaggio di allarme;
  • Il nome e l’indirizzo del possessore delle chiavi, persona cui si potranno rivolgere le forze dell’ordine in caso di necessità.

Collegamento al servizio di vigilanza

L’antifurto casa può essere collegato anche a un servizio di vigilanza che baderà a monitorare ogni segnalazione inviata dal sistema di allarme intervenendo in diversi modi. In caso ricevano un segnale dal sistema, possono intervenire con una telefonata per appurare che tutto funzioni regolarmente e, in caso di mancata risposta, inviano immediatamente un “vigilante” che controllerà il reale andamento della situazione. Nel caso di Antifurtocasa365 è previsto anche il collegamento alla centrale MONITOR365® attiva 24 ore su 24, ideata per offrire un ulteriore servizio alla propria clientela.

L’app è una sicurezza in più?

L’antifurto casa gestibile tramite app, sono più sicuri? Possiamo dire che sono sicuramente più immediati e affidabili di quelli senza app, ma solo perché consentono un pronto intervento da parte dell’utente.

Prendiamo un esempio pratico: facciamo finta di avere lo stesso allarme in due case diverse, uno gestibile da app e l’altro no! In questo caso avremo le stesse caratteristiche e funzionalità, ma non potranno essere utilizzate allo stesso modo.

Esci da casa e mentre sei con gli amici a goderti un bell’aperitivo, vieni assalito dal dubbio atroce: “Ho attivato l’allarme?”

Se sei il proprietario dell’antifurto che si gestisce con l’app, non farai altro che consultare il tuo smartphone e, se necessario, inserirai l’allarme, tornando immediatamente a divertirti con i tuoi amici.

Se, invece, sei il proprietario dell’antifurto casa senza app, potrai fare due cose: o passi la serata con questo dubbio amletico rovinandoti il divertimento, oppure scatterai in piedi con una scusa poco plausibile e correrai a controllare se tutto è in ordine.

L’antifurto casa va oltre le attese

Si pensa a un impianto d’allarme come qualcosa che serve esclusivamente a tenere lontano da casa i malfattori ma, in realtà, l’antifurto casa può fare molto di più.

Sicuramente, quello di evitare effrazione da parte di malintenzionati, è il suo ruolo principale, ma può essere utilizzato anche per altri compiti.

L’impianto, infatti, può essere completato anche da sensori di fumo, gas e allagamento. Questi non servono a tenere i ladri fuori casa ma sono un’aggiunta alla sicurezza e alla protezione dell’abitazione e dei suoi componenti. Infatti, non solo possono salvaguardare la struttura facendoti intervenire in tempo, ma possono salvare anche la vita di chi ci abita.

Se il sistema è corredato anche da videosorveglianza, l’antifurto casa si può trasformare in un “controllore”. Tramite l’app, infatti, è possibile visionare in tempo reale quello che sta succedendo tra le pareti domestiche e tenere sotto controllo, ad esempio, l’amico quattro zampe troppo vivace o il figlio che è rimasto a casa da scuola perché ha la febbre. Sempre tramite app è possibile isolare alcune zone, eliminare l’allarme all’interno della casa, lasciando attivo quello perimetrale così, chi è in casa, potrà muoversi sereno, pur essendo protetto.

Alcuni allarmi consentono anche di essere utilizzati di notte, proteggendo con un abbraccio tutte le persone che sono all’interno della casa e salvaguardando la loro incolumità. L’antifurto casa può essere anche un ottimo aiuto per le persone anziane. La gestione tramite app consente il controllo da remoto, compresi gli apparecchi salvavita che, in alcuni casi, possono essere collegati al sistema.

È difficile utilizzare un antifurto?

In alcuni casi sì, ma se si utilizza un kit antifurto dell’Antifurtocasa365, non si avranno problemi né durante l’installazione né nella gestione. Ti chiedi come mai? Semplicemente perché sono stati studiati e progettati proprio per il fai da te e per la gestione da parte di chiunque, inoltre l’azienda offre diversi manuali e video, tutti rigorosamente italiani (parliamo di Made in Italy) che consentiranno di chiarire qualsiasi dubbio.

I video, in particolare, sono fatti molto bene, sono chiari, dettagliati, facili da seguire e molto pratici, insomma adatti anche a un bambino. Le potenzialità di un antifurto, però, non si limitano ad “attivato e disattivato”, quindi sarebbe opportuno, una volta installato l’impianto, imparare a gestire tutte le funzionalità, magari imparandone bene una alla volta.

Solo in questo modo sarà possibile ottenere il massimo dal proprio antifurto casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato