[Recensione] Shadow Warrior

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 03-10-2015 8:22 Aggiornato il: 26-10-2015 10:04

Il gioco di cui vogliamo parlarvi oggi è approdato su STEAM diversi anni fa e di recente (per cosi dire) su Xbox One, si tratta di Shadow Warrior, il quale vedrà un sequel nei primi mesi del prossimo anno, per tale occasione condividiamo con voi la nostra recensione.

shadow-warrior

Shadow Warrior: Il samurai dell’era moderna

Nel gioco vestiamo i panni di Lo Wang,guardia del corpo in carico presso la Zilla Enterprises, il quale viene a conoscenza che il presidente Master Zilla desidera conquistare il Giappone servendosi di creature demoniache. Armati della nostra fidata Katana partiamo per un’avventura in cui lo Splatter regna sovrano.

Uno sparatutto con visuale in prima persona che permette di tagliuzzare i nemici che siano umani o demoni come delle carote alla julienne o facendoli fuori con i poteri a disposizione e le armi da fuoco. Ricordate Unreal Tournament? Il gameplay è molto simile ma con molta più azione e splatter e ovviamente una storia alle spalle, il tutto corredato con una splendida ambientazione, in grado di destare l’interesse di tutti gli appassionati dell’Asia.

shadow_warrior1

1000 modi per uccidere

Stanchi di eliminare i nemici con le armi da fuoco? (tipico di ogni sparatutto), allora preparatevi ad una lunga serie di armi, potenziamenti, abilità, poteri e chi più ne ha più  ne metta per fare fuori i nemici, dalle palle infuocate alle mitragliatrici, dalle katane in grado di tagliare gli arti dei nemici come fossero di carta a molto altro ancora.

Shadow Warrior combina il genere sparatutto/action con l’RPG, permettendo al giocatore di incrementare il livello di Lo Wang,  sbloccando potenziamenti e abilità per il personaggio stesso e per ogni singola arma raccolta nel corso dell’avventura. Con 2 differenti rami è possibile accedere a tutte le abilità o poteri di Wang, con un terzo invece si ha un quadro completo su ogni singola arma e le sue migliorie, sbloccare ogni cosa richiederà molto tempo, ed è qui che entra in gioco il fattore rigiocabilità.
shadow-warrior-review-screen-4

A spasso per l’Asia tra umani e demoni

La caratteristica più interessante di Shadow Warrior risiede negli scenari scelti dal team di sviluppo, sia quelli nei quali ci troveremo a combattere o che potremo ammirare tra un’esplorazione e l’altra, che gli sfondi in lontananza, che spesso invoglieranno il giocatore a rilassarsi quel tanto che basta per recuperare le forze e fantasticare sul “vorrei essere qui fisicamente”.

Uno sparatutto che non lascia spazio alla negatività, da un gameplay ben strutturato, frenetico e divertente, impegnativo quel tanto che basta ad un comparto grafico e un sonoro di tutto rispetto, una storia che seppur scontata e banale, in grado di tenere incollati alla sedia i giocatori per tutta la sua durata. Abbiamo apprezzato la versione PC ed amato quella console, restando stupiti come la prima volta. Nel corso dell’avventura verremo accompagnati da una sorta di demone che parlerà a Wang, aggiungendo quel pizzico di ironia ai dialoghi per strappare una risata di tanto in tanto, sconfiggendo i boss potremo ottenere nuove armi di vario tipo da utilizzare contro i mal capitati di turno.

Conclusioni e Impressioni

Shadow Warrior ha attirato il mio interesse fin da subito per ogni singolo elemento, dagli scenari asiatici ad un gameplay frenetico, divertente e violento quel tanto che basta da esclamare ” sono invincibile ” , un gioco in grado di tenervi letteralmente incollati allo schermo per tutta la sua durata, sia grazie ad una buona dose di esplorazione che per una quantità industriale di sbloccabili.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato