Recensione : Metal Gear Rising Revengeance

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 19-02-2013 9:27

Oggi, noi di gamerbrain, vogliamo condividere con voi cari lettori, la nostra recensione di Rising Revengeance, il nuovo capitolo della serie Metal Gear.

In Metal Gear Rising Revengeance, vestirete i panni del famoso Ninja presente fin dal primo capitolo della serie Metal Gear Solid, ossia Raiden. Se avete avuto modo di giocare a MGS, dimenticate il tipo di gameplay con il quale siete cresciuti in questi anni, perchè Rising non ha nulla a che vedere con MGS, suoni a parte. Considerando che abbiamo citato il gameplay, vogliamo partire proprio da questo punto.

Un gameplay da Ninja!

Una delle caratteristiche che rendono il titolo divertente, originale e coinvolgente, è proprio il gameplay. Movimenti rapidi, numerose combo a disposizione, possibilità di affettare i nemici come fette di prosciutto e chi più ne ha più ne metta. Raiden, è dotato della sua spada e di armi secondarie di varia natura. Tra le armi troviamo sia quelle sottratte ai boss dopo la loro sconfitta, che differenti tipologie di lanciarazzi sparsi per gli stage per non parlare delle granate.

Ogni arma, una volta sbloccata, dovrà essere acquistata presso lo Shop, utilizzando i punti accumulati nel corso dei livelli, uccidendo nemici e boss.

E’ tempo di shopping

Ogni volta che terminerete un livello, potrete decidere se potenziare le abilità o le armi di Raiden. Lo shop si suddivide in varie tipologie. E’ possibile potenziare sia la vita di Raiden che acquistare nuove abilità da combattimento, la scelta spetta a voi. Eliminate i nemici per ottenere punti e spendeteli come preferite. Man mano che acquisterete i potenziamenti per le armi o per Raiden, ne sbloccherete di nuovi

Nemici, Boss e Metal Gear!

Nel gioco, dovrete sconfiggere boss di varia tipologia, dalle comuni guardie, ai robot e ninja fino ad arrivare ai Metal Gear. Ogni nemico ha dei punti deboli e spetterà a voi capire quale sia. Colpendo i nemici caricherete una barra situata al di sotto di quella energetica, che vi permetterà di attivare una sorta di stasi per tagliuzzare i nemici come cocomeri! Gli sviluppatori per incrementare il divertimento che già il gioco offre, hanno voluto introdurre la possibilità di tagliuzzare qualsiasi cosa, dagli alberi, ai pali, dalle macchine ai nemici, buona parte degli oggetti presenti sullo scenario potranno essere tagliati orizzontalmente o verticalmente, sia in corsa che da fermi.

Una grafica da Metal Gear

Il comparto grafico che gli sviluppatori hanno voluto adottare, è il medesimo visto in altri capitoli della serie MGS cosi come per gli effetti sonori che sicuramente riconoscerete. Dall’allerta dei nemici, alle chiamate effettuate o ricevute dagli amici di Raiden. Purtroppo c’è da dire che Platinum Games non ha curato molto bene i dettagli di alcuni scenari e le conseguenze dei tagli. Ad esempio tagliando un albero di grosse dimensioni, non cadrà come un comune albero ma sembrerà come aver tagliato un albero di carta. Dettagli che soltanto coloro che ricercano la perfezione, prendono in considerazione.

Una longevità molto ridotta

Il punto debole di Rising risiede nella longevità. Stiamo parlando di 4 ore circa per il completamento a livello di difficoltà “Facile” e 6 ore per il “Normale” nonostante si perda tempo nell’esplorazione, alla ricerca dei collezionabili, potenziamenti e cosi via dicendo. Un duro colpo per tutti coloro che attendevano il titolo da anni. Considerando che non è presente un comparto multiplayer, molto probabilmente gli sviluppatori non hanno voluto rendere la storia molto lunga, a causa della presenza delle missioni VR.

Il ritorno delle Missioni VR

Un Metal Gear senza missioni VR non può essere considerato tale. Tali missioni purtroppo, come vi abbiamo già anticipato, sono costati la longevità del gioco. A differenza degli altri capitoli della serie MGS,in Rising, per giocare a tali missioni dal menu principale, bisognerà raccogliere i vari collezionabili sparsi per il gioco. Le missioni variano dal raggiungere un punto in pochi minuti o secondi, ad eliminare tutti i nemici.

Conclusione

Se siete alla ricerca di un gioco divertente, coinvolgente, frenetico e siete fans di Raiden, allora Rising è il titolo che fa per voi. Se invece cercate un gioco che vi faccia trascorrere intere giornate per il suo completamento, vi consigliamo di cambiare rotta.

Voti 

  • Gameplay : 9.5
  • Sonoro :  8.0
  • Grafica : 7.0
  • Longevità : 5
Voto finale : 7.5
PRO
  • Gameplay veloce e divertente
  • Possibilità di rigiocare le missioni con i potenziamenti, indumenti e abilità acquistate
CONTRO
  • Una longevità pessima
  • Doppiaggio in inglese