Recensione: Bloodborne Video Gameplay

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 26-03-2015 9:42 Aggiornato il: 15-02-2017 10:04

bloodborne
Dalla contorta e geniale mente di Miyazaki arriva un nuovo, sanguinoso e fantastico capolavoro in esclusiva Playstation 4, si tratta di Bloodborne che oggi andremo a recensire per voi.

Bloodborne: Al di la dei sogni

Il gioco inizia nella clinica del vecchio Yosefka, dovremo creare il nostro alter-ego definendo le varie caratteristiche come aspetto fisico, nominativo, abilità, sesso e cosi via dicendo. Si tratta di un RPG in cui è possibile far evolvere il protagonista salendo di livello e sbloccando abilità. Il primo combattimento che affronteremo sarà contro un lupo mannaro feroce, non avendo armi a disposizione periremo nel giro di pochi secondi ritrovandoci nel sogno del cacciatore, un luogo mistico in cui è possibile ottenere l’arma da mischia e da fuoco e dove potremo acquistare abilità, potenziamenti e oggetti che ci serviranno nel corso dell’avventura come pozioni per la salute. Torneremo spesso nel sogno del cacciatore, non solo per spendere l’esperienza accumulata per potenziare il personaggio ma anche per riparare o migliorare la propria arma o teletrasportarci in un punto differente.
Per tornare nel sogno del cacciatore bisognerà o azionare un checkpoint già raggiunto o accendere una torcia in uno dei pochi checkpoint sparsi per il gioco. I primi due saranno accessibili fin da subito mentre per gli altri bisognerà eliminare i boss, che una volta deceduti oltre a ricompensare i giocatori con una grande quantità di esperienza, offriranno oggetti bonus e la possibilità di tornare nel sogno per poter salvare i progressi e spendere i punti accumulati.
bloodborne 2

Un free roaming terrificante

Se pensavate ad una struttura a livelli o missioni, ci dispiace deludervi ma in Bloodborne troverete tutt’altro. Il team di sviluppo ha pensato bene di proporre una struttura free roaming in cui il giocatore potrà esplorare la città dei dannati da cima a fondo, tornando spesso in luoghi già visti per uccidere nuovamente gli stessi nemici, accumulando esperienza o per azionare leve e scovare segreti nascosti. Nel corso dell’esplorazione vi imbatterete in mostri di vario tipo che si differenziano tra di loro non solo in forza ma anche in agilità e dimensione, utilizzare il giusto approccio è di vitale importanza per evitare di fare una brutta fine.

Consigli e Suggerimenti

Se avete giocato a titoli della serie Dark Souls e Demon Souls sicuramente il sistema introdotto anche in Bloodborne non sarà nuovo per voi, si tratta di un modo simpatico e utile per aiutare ed essere aiutati ad affrontare determinate situazioni, attraverso il rilascio e la consultazione di note composte dai giocatori che come voi hanno deciso di avventurarsi in questa terrificante ma straordinaria avventura gotica. In qualsiasi momento, una volta ottenuto il diario, sarà possibile rilasciare delle note per avvisare gli altri giocatori di un pericolo incombente o di un segreto nascosto, inoltre From Software ha deciso di offrire al giocatore la possibilità di votare in positivo o in negativo la nota rilasciata.
bloodborne 3

Una co-operativa insolita

La cosa che ci ha lasciato maggiormente perplessi è di come il team di sviluppo contrariamente a quanto accade in altri giochi, abbia deciso di offrire una modalità co-operaitva insolita. In primis per sbloccare la modalità multigiocatore bisognerà sconfiggere il primo terrificante Boss che vi permetterà di ottenere una campana da utilizzare in maniera limitata per richiamare i giocatori in zona nella vostra partita. I giocatori potranno accedervi soltanto se disporranno dell’oggetto richiesto, ciò significa che spesso vi ritroverete a suonare la campana attendendo delle ore prima di vedere un giocatore entrare in partita. La campana è stata studiata dal team di sviluppo per offrire seppure in maniera limitata, un aiuto al giocatore in caso di difficoltà.

Prepararsi agli scontri

In Bloodborne vi capiterà raramente di affrontare boss terrificanti e non essendoci dei salvataggi in vista, perdere la vita significherà ricominciare dall’ultimo chekpoint raggiunto, perdendo tutta l’esperienza accumulata. Prepararsi agli scontri è di vitale importanza, armarsi fino ai denti migliorando non solo le proprie armi ma anche le abilità, con i punti esperienza che è possibile guadagnare eliminando gli stessi nemici, tornando nel sogno per poi teletrasportarsi nuovamente nella città dei dannati diventa una priorità. I nemici hanno un respawn infinito, ciò significa che è possibile affrontarli infinite volte contrariamente ai Boss.

 BLOODBORNE VIDEO GAMEPLAY HD

Considerazioni personali

Bloodborne vi conquisterà fin da subito se siete appassionati del genere, un RPG in grado di trasformare in alcuni momenti la difficoltà in frustrazione. Morire in Bloodborne è all’ordine del giorno e nella maggior parte del tempo che deciderete di dedicare a questa esclusiva, vi ritroverete a dover ripetere gli stessi percorsi a causa della morte improvvisa durante un combattimento. La scarsa presenza di checkpoint e la perdita di tutti i punti esperienza accumulati anche dopo il salvataggio non aiutano di certo i nuovi giocatori che presi dalla disperazione potrebbero essere costretti a sbarazzarsi del titolo prima di giungere ad un epica conclusione. Un comparto multigiocatore quasi assente, poco curato e realizzato in maniera tale da costringere il giocatore medio a cavarsela con le proprie forze in questo terrificante ma meraviglioso mondo di gioco creato dai ragazzi di From Software.
Compra-su-Amazon_big

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato