Onimusha Warlords: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 17-01-2019 8:11

Correva l’anno 2001 quando Onimusha fece il suo esordio su Playstation 2, attirando l’attenzione non solo degli appassionati del Giappone feudale ma anche di coloro che sono cresciuti con i capolavori firmati Capcom.

A distanza di ben 18 anni circa arriva la remastered su Xbox One, PS4, Nintendo Switch e PC, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione

Onimusha Warlords Recensione

Onimusha vede la presenza di Oda Nobunaga e Tokugawa Ieyasu, figure celebri del Giappone feudale, i quali hanno stipulato un patto con i demoni di Genma per il dominio del mondo. Nei panni di un samurai dotato del potere degli Oni, dovremo farci strada tra demoni, ninja e trappole mortali, allo scopo di salvare una principessa e porre fine al dominio dei demoni.

Warlords attinge da differente generi videoludici, dai rompicapi ai giochi di ruolo, grazie alla presenza di enigmi il più delle volte mortali da risolvere e la possibilità di livellare armi ed equipaggiamenti a disposizione oltre che utilizzare dei power-up.

Quando il titolo debuttò nei primi anni del nuovo millennio, riusci ad attirare a se una mola di giocatori non indifferenti, in un epoca in cui i free roaming muovevano i primi passi, offrendo scenari ed inquadrature statiche.

Da Resident Evil a Silent Hill passando per Onimusha e molti altri titoli, uniti dalla medesima gestione della camera, la quale era tutto ciò a cui si poteva ambire in quegli anni e che oggi giorno potrebbero risultare obsoleti e ingiocabili.

Il mondo di gioco è popolato di checkpoint, una sorta di luminare giapponese presso il quale è possibile salvare i progressi o potenziare le armi ed abilità sbloccate nel corso dell’avventura, utilizzando le sfere raccolte dall’eliminazione dei nemici.

Non mancano all’appello bauli e forzieri da aprire, alcuni accessibili fin da subito e contenenti oggetti di vario tipo come erbe medicinali, altri invece apribili solo dopo aver risolto un certo enigma, questi ultimi contenenti oggetti più sostanziosi e di maggiore utilità, come ad esempio una scala a pioli per scendere in un crepaccio. 

Le aree di gioco sono molto piccole da esplorare e il più delle volte suddivise in zone, portando l’inquadratura a mutare di continuo, con la possibilità di esplorare stanze adiacenti tramite delle porte, alcune bloccate da serrature luminose legate ad  un’abilità particolare come fuoco o fulmine, altre invece apribili dopo aver risolto degli enigmi.

Onimusha offre al giocatore fin da subito la possibilità di selezionare la difficoltà Facile, rivolta a coloro che vogliono portare a termine il gioco più velocemente, nonostante il titolo risulti abbordabile anche a difficoltà Normale, dove parate, schivate e attacchi decisi sono la chiave per la sopravvivenza contro i Boss.

Oltre la spada tradizionale è possibile contare su arco e frecce ed abilità come fulmine, fuoco ed altre che è possibile sbloccare nel corso dell’avventura, richiamabili in qualsiasi momento a discapito della barra della stamina.

Il titolo include il doppiaggio in inglese e giapponese con la possibilità di usufruire dei testi in italiano, i quali consentono a coloro che non masticano la lingua estera di leggere le poche righe di dialogo che arricchiscono le cutscene ed i documenti sparsi per gli scenari.

La versione per piattaforme attuali di Onimusha non è un remake, per tanto tutto ciò che proviene dal titolo originario lo ritroviamo al giorno d’oggi, da una imbarazzante gestione della camera ad un comparto grafico discutibile, in cui scenari PNG di bassa qualità vengono accompagnati da modelli dei personaggi Hdizzati ma mantenendo pur sempre lo stesso numero di poligoni.

Il risultato? Animazioni con doppiaggio in ritardo, i medesimi pattern per boss e nemici vari ed ambienti spogli e privi di carisma, ma dopotutto amiamo Onimusha, chi vorrebbe stravolgerlo? 

Come per la collection di Devil May Cry, anche Onimusha è stato semplicemente Hdizzato e portato su piattaforme attuali, ignorando il desiderio dei giocatori di vedere un nuovo capitolo o un remake dell’originale con i motori grafici di oggi come il potente Unreal Engine 4.

La decisione di portare il titolo su piattaforme attuali con qualche ritocco grafico non cosi’ eclatante e nulla più, rende Onimusha Warlords rivolto principalmente a coloro che sono cresciuti con il titolo originario che ai nuovi giocatori. 

Onimusha Warlords Gameplay Trailer

A seguire vi riportiamo il nostro Gameplay tratto dalla prima mezzora di gioco:

  • 5.5/10
    Grafica - 5.5/10
  • 6.6/10
    Gameplay - 6.6/10
  • 8/10
    Sonoro - 8/10
  • 7.7/10
    Trama - 7.7/10
  • 7.4/10
    Longevità - 7.4/10
7/10

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato