Immortal Unchained: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 11-09-2018 9:07

Cosa succede quando Dark Souls incontra un action sparatutto? Nasce Immortal Unchained, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione su gentile concessione Kochmedia, dopo aver provato l’edizione Xbox One X del titolo.

Immortal Unchained Recensione

In questi ultimi anni abbiamo messo più volte le mani su titoli definiti Soulslike, per via delle meccaniche di gioco ispirate al celebre Dark Souls di From Software, tra cui Bloodborne, Lords of the Fallen e The Surge, quest’ultimo introdusse un gameplay inedito ed originale, come sempre non alla portata di tutti. 

Immortal Unchained fonde il genere Soulslike ad un action sparatutto, permettendo al giocatore di padroneggiare non solo armi da mischia come spadoni e doppie spade, ma anche fucili, pistole, mitragliatori ed ogni altro equipaggiamento da fuoco.

Il gioco inizia con la creazione e personalizzazione del personaggio, dalla scelta della classe a capigliatura, colore, tatuaggi ed ogni altro elemento che lo renda unico nel suo genere (come potete vedere nel nostro Gameplay a fine articolo).

Dopo aver creato il personaggio ed assistito alla cutscene introduttiva, la quale narra a grandi linee gli eventi che hanno portato il protagonista ad una cruenta prigionia, ci troviamo di fronte il tutorial, il quale illustra tutto quello che c’è da sapere per giocare, rivolto principalmente a chi non ha mai avuto l’occasione di affrontare un’avventura Soulslike.

Dalla raccolta delle armi al potenziamento delle stesse, passando per le abilità del protagonista, l’eliminazione dei nemici e i punti di salvataggio. Come ogni gioco del genere che si rispetti, morire in Immortal Unchained provoca la perdita di tutta l’esperienza accumulata, la quale potrà essere recuperata raggiungendo il punto di morte e raccogliendo la sfera di energia.

Inutile dire che disporre di armi da fuoco non aiuta di certo i nuovi giocatori, proponendo la medesima difficoltà alla quale siamo sempre stati abituati nel corso degli anni con i titoli citati. Inizialmente avremo a disposizione solo la nostra fidata pistola ma con il progredire del primo livello, potremo padroneggiare armi da mischia, gadget supplementari e bocche di fuoco secondarie.

Ogni nemico dispone di una barra vitale, conferendo al giocatore la possibilità di capire quanto gli resta da vivere. Non manca all’appello la barra della stamina oltre che vitale, la quale si riduce correndo, schivando o utilizzando le armi da mischia, ricaricandosi gradualmente.

Come accadeva in Bloodborne, sbloccando determinati passaggi inizialmente non accessibili, è possibile raggiungere il punto di salvataggio molto più rapidamente, evitando dunque di tornare sui propri passi per salvare la partita o potenziare il personaggio e le armi, migliorandone le statistiche.

E se i nemici iniziali sono semplici da eliminare, permettendo al giocatore di ambientarsi al meglio nell’esperienza di gioco offerta dai ragazzi di Toadman Interactive, non possiamo dire lo stesso per i Boss, i quali appaiono maledettamente ostici da sconfiggere, obbligando il giocatore non solo a studiare un’accurata strategia, ma anche eliminare più e più volte i nemici già incontrati in precedenza, per poter potenziare il protagonista e migliorare arsenale e abilità.

Ogni qual volta si effettua il salvataggio dei progressi, questi farà ricomparire i nemici sconfitti, permettendoci di accumulare nuovi punti esperienza dalla loro eliminazione. Se siete cresciuti con il genere Soulslike riuscirete fin da subito a padroneggiare il Gameplay, adattandovi di conseguenza ad una difficoltà che non conosce la pietà.

Ottimo il comparto grafico sia per ambientazioni che personaggi, dai tratti oscuri, con una modellazione accurata, peccato che su Xbox One X spesso ci siamo imbattuti in cali di frame rate improvvisi, che pur risultando fastidiosi non rovinano l’esperienza di gioco.

Buono il comparto audio con doppiaggio in lingua inglese ma la possibilità per coloro che non masticano la lingua estera, di comprendere la storia tramite i sottotitoli italiani. 

Immortal Unchained è un’esperienza di gioco rivolta principalmente a coloro che sono cresciuti con Dark Souls e che potrebbe scoraggiare i nuovi giocatori, a dimostrazione di come le medesime meccaniche possano essere adattate ad uno stile di gioco differente, in ambientazione, trama ed arsenale.

Immortal Unchained Gameplay Trailer

Di seguito vi riportiamo il nostro Gameplay trasmesso su Twitch:

  • 8/10
    Grafica - 8/10
  • 8.5/10
    Gameplay - 8.5/10
  • 7.5/10
    Sonoro - 7.5/10
  • 7.7/10
    Trama - 7.7/10
  • 7.6/10
    Longevità - 7.6/10
7.9/10

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Termini di ricerca:

  • immortal unchained recensione
  • immortal unchained
  • Immortal unchained review
  • Imortal unchained recensione