Forgotten Anne: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 12-05-2018 7:40

Quest’oggi vogliamo portarvi nel fantastico mondo di Forgotten Anne con la nostra Recensione, su gentile concessione del team ThroughLine Games.  Prima di proseguire nella lettura, vi invitiamo ad unirvi alla nostra community su Discord.

Forgotten Anne Recensione

ThroughLine Games con Forgotten Anne ci racconta una storia coinvolgente ed emozionante, ambientata in un mondo dove gli oggetti dimenticati o smarriti prendono vita, con una propria personalità, grazie ad una fonte energetica chiamata Anima.

Sotto la guida del Maestro Bonku, un ex orologiaio nel mondo reale, nei panni di Anne ci ritroveremo a contrastare i ribelli, oggetti ostili capitanati da un certo Fig, il quale ricoprirà un ruolo chiave nel corso dell’avventura. Il mondo di gioco creato dal team danese vede una pistola tra le forze dell’ordine o un frigorifero come barman, ad ogni oggetto viene affidato un’apposito incarico, a seconda della natura dello stesso.

Forgotten Anne ci porta ad esplorare un mondo vivo e dinamico, popolato da tutti gli oggetti abbandonati e dimenticati nella realtà.

Il cuore pulsante che permette all’universo alternativo di sopravvivere, è l’Anima, una sorta di flusso energetico che potremo padroneggiare nel corso dell’avventura, sia per togliere che per ridare vita ai vari oggetti, oltre che per attivare meccanismi di ogni tipo, allo scopo di risolvere gli enigmi ambientali per sbloccare serrature o spostare delle piattaforme.

Il titolo mescola gli elementi tipici di un’avventura grafica ad un platform, dove nei panni di Anne potremo saltare, arrampicarci ed utilizzare le ali in dotazione per poter raggiungere zone normalmente inaccessibili.

Il gioco propone una quantità molto generosa di dialoghi, purtroppo in inglese, ponendoci più volte durante l’interazione con i vari oggetti, di fronte a delle scelte che muteranno il corso degli eventi, lasciando un segno indelebile nei personaggi incontrati, i quali si ricorderanno le azioni e decisioni da noi compiute in passato.

Tramite l’HUD è possibile tenere sotto controllo l’indicatore dell’Anima, il quale può essere svuotato o riempito a seconda dell’occasione, utilizzando i tanti container o generatori sparsi per il mondo di gioco.

E se la trama e il comparto grafico conquistano il cuore dei giocatori fin da subito, non possiamo dire lo stesso per il gameplay, che si presenta il più delle volte macchinoso, ripetitivo e ostico, portandoci a tentare e ritentare più volte un salto, a causa dei movimenti lenti e impacciati di Anne.

Ottima la colonna sonora, che si sposa alla perfezione con gli eventi, lo stesso per il doppiaggio dei singoli personaggi, dandoci la sensazione di trovarci in un lungometraggio animato, sopratutto grazie alla presenza delle cutscene.

L’assenza di lunghi tempi di caricamento consente di restare incollati al titolo per l’intera durata, senza distogliere l’attenzione del giocatore dalla trama con inutili pause. La presenza di documenti e collezionabili di vario tipo da recuperare, estendono la già generosa longevità che si attesta sulle 8/10 ore circa.

Forgotten Anne ha conquistato il nostro cuore fin dai primi minuti, rendendo difficile distaccarsi dallo stesso, portandoci in un giorno circa davanti i titoli di coda.  Un capolavoro che merita tutta la vostra attenzione, un titolo in grado di emozionare coloro che decidono di immergersi a capofitto in questa splendida avventura danese. 

Forgotten Anne Gameplay Trailer

  • 7.8/10
    Grafica - 7.8/10
  • 5.8/10
    Gameplay - 5.8/10
  • 6.5/10
    Sonoro - 6.5/10
  • 7.5/10
    Longevità - 7.5/10
  • 8/10
    Trama - 8/10
7.1/10

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato