Dragon Quest Heroes II: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 04-05-2017 8:08

Si sa che il genere musou a differenza del sol levante, in occidente non prende piede, nonostante gli sforzi degli sviluppatori di proporre giochi incentrati su Berserk, One Piece e su altri Anime seguiti dal pubblico. A distanza di anni, Ashikaga ci riprova portando su console il sequel di Dragon Quest Heroes ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione.

Il male è alle porte

In Dragon Quest Heroes 2 vestiamo i panni di Lasaar e Theresa, cugini uniti da un forte legami affettivo e dalla passione per l’arma bianca. Il gioco inizia quando i due intenti a respingere il male dalla propria città, incontrano Kisar, il principe del regno di Kala che rivelerà loro una profezia molto antica, nella quale viene annunciata una guerra devastante in grado di inginocchiare tutti i regni, l’unica soluzione è quella di affrontare i vari regnanti. 

Nonostante una trama quasi promettente, il titolo non decolla nelle sue 40 ore di gioco, nessun colpo di scena o momento entusiasmante, ponendo ancora una volta l’attenzione su come il genere musou in occidente non sia molto amato dal pubblico. A peggiorare la situazione troviamo un doppiaggio tutt’altro che gradevole e convincente, il quale muta il nome dei personaggi scritti confondendo le idee del giocatore. 

La classe non è acqua

Il cuore di Heroes 2 è ancora una volta il gameplay, che a differenza del prequel vanta un numero di missioni maggiori, in un vasto open world tutto da esplorare con la possibilità di teletrasportarsi da una zona all’altra tramite i checkpoint. Torna ovviamente l’eliminazione di centinaia di nemici sullo schermo tramite combo ed abilità devastanti. Una delle pecche nel gameplay risiede nell’impossibilità di correre mentre si impugna un’arma, consentendoci di spostarci solo di poco.

Le missioni che compongono il mondo di gioco spaziano dalla difesa o salvataggio di un cittadino al recupero di zone conquistate dai nemici, il tutto condito con combattimenti Musou in piena regola. Con il progredire dell’avventura ci si imbatte in personaggi secondari che potranno essere utilizzati in battaglia, dando vita ad una squadra personale dalle abilità uniche e speciali. 4 sono i combattenti che è possibile padroneggiare per un totale di 20 differenti eroi provenienti da altri capitoli della saga, dal mano al sacerdote a molte altre classi. 

Scontri NO-SENSE

Con il progredire degli scontri è possibile gestire al meglio le abilità dei personaggi della propria squadra tramite lo sviluppo di alcuni parametri o impugnando armi differenti. Durante le battaglie è presente una barra detta Alta tensione, la quale incrementa ad ogni colpo inflitto, una volta carica è possibile attivarla ritrovandosi immuni a qualsiasi attacco e in grado di sferrare colpi micidiali agli avversari.

Altra cosa che ci ha fatto storcere il naso come si soul dire, risiede nell’incongruenza elementale presente nel gioco, causando ad esempio danni ad un nemico di ghiaccio utilizzando abilità o armi ghiacciate, senza contare l’impossibilità di tenere la mira ferma su un nemico per sferrare il colpo di grazia. Una volta portata a termine l’avventura, è possibile ricominciarla tramite la modalità Plus che come sapete consente di giocare con tutte le abilità e potenziamenti sbloccati nella prima run. 

Dragon Quest Heroes II GAMEPLAY TRAILER

In Dragon Quest Heroes è possibile reclutare i mostri sconfitti per creare una squadra di super combattenti, sfruttando le loro competenze ed abilità sul campo. I mostri si dividono in supporto in battaglia, intervento esterno o sostituzione, quest’ultima rivolta a coloro che desiderano sostituire un qualsiasi membro della squadra con uno dei mostri sbloccati. La durata dell’evocazione è legata alla barra temporale, la quale diminuisce sia con lo scorrere del tempo che con i colpi subiti.

L’intero mondo che compone il sequel propone le stesse o quasi location con delle variazioni di tanto in tanto e missioni secondarie prive di originalità, il tutto condito da una buona resa grafica e da un comparto audio che si sposa alla perfezione con gli eventi presenti nel gioco, fatta eccezione come detto per il doppiaggio in lingua nostrana, arricchendo il tutto con un gameplay frenetico e mai soggetto a cali di frame anche quando vi sono numerosi nemici sullo schermo. 

3.5

Dragon Quest Heroes II rende giustizia al prequel tramite l'aggiunta di novità molto interessanti,abbracciando nuovamente il genere Musou, il quale in Occidente fatica a decollare.

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Recensore, Tester, Blogger e Youtuber, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento videoludico

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato