Recensione Split Second

Pubblicato da: matrixneo84- il: 27-05-2010 1:32 Aggiornato il: 01-09-2015 9:16

Forse tutti noi stavamo aspettando Blur e nell’attesa una piacevole sorpresa è spuntata: Split Second! Adrenalina allo stato puro!!!

Qui essere più veloci non basta: serve una buone dose di riflessi e di opportunismo, capacità di analizzare la situazione e sfruttarla a proprio vantaggio.

Split Second rinnova, forse ancor di più di Blur (ma potrebbe essere un giudizio provvisorio che ho basato sulla Beta) il genere dei racing game di sopravvivenza: la prima geniale idea è stata quella di simulare uno spettacolo televisivo (intitolato proprio “Split Second”) a puntate che prosegue man mano che avanzate negli episodi che sbloccherete (vi dico subito che per sbloccarli dovrete ottenere buone posizioni e quindi tot numero di crediti).

La seconda genialata è rappresentata dal fatto che, a differenza di Blur o anche di altri giochi precedenti, non dovrete raccogliere sul tracciato per esempio delle armi ovvero dei bonus ecc… ma in base al vostro stile di guida avrete la possibilità di modificare lo spazio circostante con degli eventi (Power Play) quali esplosioni, modifiche al percorso ecc… il cui fine è mettere in difficoltà gli avversari.

La terza novità, che sembrerà banale, io la intravedo nello stile grafico durante la corsa: generalmente siamo abituati, nei giochi di corsa, ad avere agli angoli dello schermo le informazioni circa numero di giri, posizione e tempo di gara ecc… qui invece avremo tutte queste informazioni sulla macchina stessa, grazie a una sorta di “ologramma” su di essa. Cosa che non solo è utile ma permette di avere l’intero schermo a disposizione per godersi a pieno la gara.

Come dicevo in apertura, penso che tutti noi siamo rimasti molto sorpresi (ovviamente in positivo) da questo gioco: e tutti noi avevamo in mente un solo gioco, Blur, e trovarne un altro in uscita che addirittura potesse competere, beh è cosa unica! Split Second è “orchestrato” davvero bene: e parlando di orchestra mi balza alla mente la splendida colonna sonora che ci accompagna in gara e nei menu!

Parliamo ora delle modalità disponibili: nel menu principale potete scegliere tra Stagione, gara, online, lan (questo almeno nella versione Pc). La modalità stagione è suddivisa in 12 episodi che rappresentano le 12 puntate dello show: ogni episodio è inizialmente introdotto con un video commentato in italiano e si chiude con l’anteprima del prossimo episodio.

Per sbloccare l’episodio successivo dovete arrivare almeno terzi alla gara elite conclusiva dell’episodio: questa gara, a sua volta, si sblocca ottenendo crediti nelle altre gare (non necessariamente dello stesso episodio per gli episodi successivi).

Ci sono diverse tipologie di eventi a cui potete partecipare: la gara classica, la sfida con una macchina specifica, l’assalto aereo dove dovrete schivare i missili di un elicottero, la vendetta aerea dove schivando i missili avete la possibilità di riempire l’indicatore per poi rivolgere i missili contro l’elicottero stesso, la sopravvivenza contro un camion carico di barili esplosivi e l’eliminator dove allo scadere del tempo l’ultimo viene eliminato fino a che ne rimarrà soltanto uno. La gara elite infine è una gara con un livello di difficoltà più elevato.

Come recitano le scritte che compaiono durante i caricamenti, a seconda del tipo di evento e del tracciato dovrete fare la scelta giusta riguardo alla macchina: peccato che le macchine siano totalmente inventate, comunque ognuna di esse è classificata in base alla velocità massima che raggiunge, accellerazione, derapata e resistenza. In base alla mia esperienza vi consiglio di usare una macchina con elevata resistenza negli eventi assalti aereo e vendetta, mentre per sopravvivere ai barili del camion una macchina molto veloce.

Evitate poi di utilizzare una vettura con valori di derapata troppo alti in tracciati molto larghi, altrimenti starete sempre a sbandare! Doveroso ora parlare dell’indicatore da riempire: esso è composto da un massimo di tre segmenti, quando lo riempirete completamente apparirà l’ultimo segmento rosso e avrete la possibilità di utilizzare “Power Play” di 2° livello (ovvero eventi sul tracciato ancora più esplosivi oppure modifiche al tracciato stesso).

Se invece volete fare un botto più piccolo o aprirvi una scorciatoia basterà riempire un singolo segmento dell’indicatore (diventerà celeste): notate bene che non sempre sarà possibile utilizzare i Power Play, dovrete aspettare che compaia l’icona celeste per quelli di 1° grado e rossa per quelli di grado 2 (più rara). Cercate di distruggere più macchine avversarie possibili così potete partecipare all’evento bonus dell’episodio che vi garantirà ulteriori crediti.

Split Second è una gioia per gli occhi: nonostante abbia settato (su pc) i dettagli video al minimo, ho goduto di una splendida visuale e di effetti davvero incredibili, poi la fisica del motore grafico è davvero sconvolgente! Unico piccolo neo, è che talvolta le vetture che sono subito dietro di noi vengono renderizzate sezionate…

Il gameplay offre ore di divertimento appagante, la guida arcade è davvero divertente e i tracciati ben studiati: gli eventi Power Play sono vari e spettacolari, e state attenti che potrebbe accadere che un Power Play generato da voi ostacoli voi stessi!!!

Se vogliamo trovare qualcosa di negativo, una volta che arriviamo al 6° episodio i tracciati saranno più o meno gli stessi (cambierà spesso tipo di evento o ci saranno delle deviazioni al tracciato originario): il gameplay non è lunghissimo ma comunque si prolunga nel caso vogliate sbloccare tutte le macchine.

E si, perché i crediti accumulati servono anche a sbloccare nuove e fiammanti autovetture: e se completerete tutte le gare elite al primo posto vincerete una super macchina Elite!!! Infine se volete migliorare il vostro record personale su un tracciato in un determinato evento, andate su Gare e buona fortuna!!!

Grafica:   Su pc molto fluido e anche settando i dettagli al minimo non perderete un bel niente! Fisica del motore grafico impeccabile e tracciati belli e vari con possibilità di modificarli “in corsa” grazie ai Power Play. Le autovetture ricordano alcune auto reali: peccato non avere la possibilità di correre su una Ferrari o una Lamborghini!

Audio: 9    Effetti sonori piacevoli e da non sottovalutare: per evitare il pericolo dovrete essere tutt’orecchi!! Colonna sonora bellissima e che, specialmente nel giro finale di una gara, sottolinea il pathos e vi darà una scarica di adrenalina! Complimenti vivissimi!

Giocabilità:    Totalmente arcade = totale divertimento, non vi annoierete di certo!

Longevità: 8    Dopo alcune gare i tracciati saranno un pò ripetitivi e se volete sbloccare tutto, ma proprio tutto, ore aggiuntive comunque vi attenderanno!

Novita: 9,5    Un racing game di sopravvivenza alternativo e con molte idee ben sfruttate: la vostra arma non è la macchina ma il tracciato stesso!

Coinvolgimento: 10    Per un motivo o per l’altro ci giocherete senza mai smettere: missione riuscita!

Giudizio finale: 9     Aspettando Blur, questo titolo è estremamente divertente e chissà che non sia anche migliore!!! Alla prossima recensione l’ardua sentenza 😀 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato