Recensione Prince Of Persia

Pubblicato da: noth1ng- il: 05-12-2008 9:48 Aggiornato il: 01-09-2015 9:13

Sviluppato dalla Ubisoft e distribuito all’inizio di Dicembre, Prince of Persia ha dato ai fan della saga un gioco del tutto nuovo in cui lanciarsi. Un mondo completamente esplorabile ed una grafica completamente cambiata dai titoli passati. Unica pecca, forse, è la difficoltà del gioco che è risultato piuttosto semplice.

  • Trama

Se ne era già parlato ma vediamo di spiegarla in breve. Il nostro principe non sarà poi tanto tale. Infatti, in questo titolo, impersoneremo più un vagabondo interessato solamente al suo asino (Farah) che sembrerebbe trasportare delle gran ricchezze. Vi incontrerete quindi con Elika, fedele compagna di viaggio e probabilmente anche qualcosa in più. E la vostra missione sarà quella di eliminare il dio malefico Ahriman, liberato inaspettatamente dal padre di Elika. Per fare ciò, dovrete prendervi cura di diversi terrenni che sono stati imprigionati dalla macchia diabolica di Ahriman, e ridonare loro la fertilità di un tempo.
La relazione fra il principe ed Elika è un punto fondamentale del gioco, che poterà ad esperienze cariche di emozione verso il concludersi dell’avventura.

  • Gameplay

Elika, non è solamente il vostro braccio destro ma un’essenziale compagna. Come principe, le vostre abilità saranno all’incirca invariate, potrete infatti saltare, arrampicarvi, scalare e correre sui muri. In più, avrete in “dotazione” altre abilità tra le quali quella di poter correre sui tetti.
Perchè Elika, allora ? Bene, Elika in tutto questo vi aiuterà ed aumenterà la potenza delle vostre acrobazie grazie alla sua magia.
Basta, direte. Certo che no. La vostra compagna non potrà mai morire. Infatti, durante una battaglia, se vi troverete in estrema difficoltà e sarete atterati da uno dei vostri nemici, Elika vi porterà in salvo in un luogo sicuro (il vostro ultimo checkpoint) e potrete riprovare lo sconto.
I checkpoint sono sparsi in ogni livello, quindi non vedrete mai la scritta Game Over e non dovrete salvare prima di una sequenza che sospettate essere piuttosto rischiosa.
Infine, anche durante la risoluzione degli enigmi sarete aiutati da Elika, che emanerà una specie di palla di energia che vi guiderà nella direzione da seguire. Tutto questo, combinato con i semplici comandi acrobatici, fanno di Prince of Persia il titolo più semplice dell’anno.
Molti giocatori old-school, infatti, non troveranno per nulla difficile il proseguire nel gioco a dispetto delle difficoltà incontrate nei capitoli passati della serie.
Non per questo, però, il gioco non è interessante. Infatti, durante la vostra avventura, rimarrete spesso di stucco davanti ai dettagli curati di molti livelli ed aree circostanti. Ogni zona, fluirà normalmente in un’altra non dandovi la sensazione di cominciare ogni volta da capo, ma piuttosto quella di una continua avventura.

Il design dei livelli, poi, diventerà ancor più brillante quando sbloccherete i vari poteri di Elika. Ogni volta che esplorerete una nuova area, collezionando delle sfere lucenti chiamate “Semi di luce” (Light Seed), sarete in grado di utilizzare le varie placche colorate segnate sui muri o le piattaforme. Ci sono quattro tipi di placche: La rossa e blu vi permetteranno di passare automaticamente alla prossima piattaforma. La verde vi trasformerà in una specie di spiderman, permettendovi di scalare muri ed evitare ostacoli. Ed infine, la gialla, che, una volta incontrati degli ostacoli, vi trasporterà in una sorta di mini-game on-rail per cercare di evitarli.
Proprio questi salti spettacolari ed acrobazie d’altri tempi, vi faranno spalancare la bocca davanti alla grafica di questo gioco. Anche se, la placca gialla, potrà essere noiosa per i movimenti un po’ troppo continui della telecamera, che renderanno difficile l’evitare determinati ostacoli.

I combattimenti, risultano fantastici. Potrete combattere contro un nemico alla volta, inclusi i quattro boss del gioco che incontrerete spesso. Durante le battaglie avrete 4 tipi di abilità: attacco, spada; il vostro guanto, la magia di Elika e le acrobazie che potrete combinare per creare combo diverse.
Molti potranno non gradire il fatto che Elika, anche se intrappolata in dei tentacoli o svenuta, riuscirà comunque a portarvi in salvo.
Questo però, non sminuisce la qualità dei combattimenti. Il principe può lanciare in aria la sua compagna ed insieme, infliggere un attacco devastante al nemico, ad esempio.

Audio 8 – Buono e lineare. Niente di eccezionale.
Grafica10 – Non potremmo dare certo di meno, dopo una recensione del genere.
Giocabilità 10 – Movimenti semplici, mosse semplici… Forse anche troppo.
Longevità 7 – Alcuni combattimenti potranno risultare noiosi ed il gameplay durerà si e no 12 ore complessive.

Totale
9 – Prince of Persia è sicuramente un gioco spettacolare per quanto riguarda l’aspetto grafico e la spettacolarità delle acrobazie e combattimenti. Sarà apprezzato e giocato dai molti amanti della serie; che, però, potrebbero rimanere dispiaciuti circa la semplicità di questo titolo e magari, a volte, annoiarsi un po’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato