Pachter : La Playstation VITA è morta

Pubblicato da: x0xShinobix0x- il: 12-08-2013 10:10

Michael Pachter

L’analista più famoso di tutto il mondo, Michael Pachter, ha espresso delle considerazioni personali, sulla Playstation Vita, definendola una console già morta.

La PSVITA è morta

Questo mese, la Playstation Vita ha venduto davvero pochissime unità, credo che la console sia morta. E’ un ottimo dispositivo ma nessuno sente la necessita di averlo. Non vi sono persone che la comprano e credo che sia una cosa abbastanza viscida, non dare una possibilità alla piattaforma.  Sono sicuro che se la gente la comprasse, cambierebbe opinione.

L’insuccesso della PSVITA

A differenza della PSP, la VITA non sta riscuotendo molto successo e ve lo dice un venditore che non è riuscito a piazzare nemmeno un unita. La maggior parte dei miei clienti, acquista PSP, VITA non viene vista di buon occhio, per svariate ragioni. Dai pirati per l’assenza di una modifica, dagli intenditori di giochi per l’assenza di titoli validi tralasciando qui pochi che possono essere contati sulle dita, ed altri ancora ritengono che sia una spesa inutile, sopratutto con l’arrivo delle console di nuova generazione.

Personalmente, come ho sempre fatto fin dal passato, ho sempre acquistato le nuove piattaforme al lancio, anche se molte di esse prendono la polvere come la VITA o il WiiU.  Attualmente sono pochi i titoli che attirano la mia attenzione sulla console mobile di Sony, ma se dovessi esprimere un parere personale, come Pachter, consiglierei di acquistarla, in quanto è un ottima piattaforma di gioco. E’ anche vero che sono trascorsi diversi anni dalla sua commercializzazione e ancora oggi non vanta di numerosi titoli, ma alcuni di essi sono imperdibili come Gravity Rush, Uncharted, Little Big Planet, Shinobido e cosi via dicendo.

Spendere un 200 euro circa per una console mobile con poche esclusive non è il massimo, per questo alcuni sono restii da acquistarla almeno per ora. E voi cosa ne pensate?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato