Assassin’s Creed III : Ubisoft lancia l’evento “Non lasciate testimoni!”

Pubblicato da: Shinobi SEO WEB- il: 22-11-2012 10:02

Ubisoft, ha annunciato un interessante evento legato al comparto singolo di Assassin’s Creed III, più che evento, una sorta di sfida che ha deciso di lanciare ai giocatori, chiamata Non lasciate testimoni.

L’evento o sfida in questione, premia chi realizza il maggior numero di uccisioni nella storia, con un Seasons Pass gratuito, nonchè, la possibilità di accedere a i futuri DLC gratuitamente! La prima cosa da fare è iscriversi al servizio uPlay, dopo di che realizzare il maggior numero di uccisioni nella storia! La sfida è attiva da oggi fino al 26 Novembre 2012.

Se avete del tempo a disposizione e il gioco, allora mettetevi sotto ad eliminare il maggior numero di guardie possibili, anche perchè il Seasons Pass ha un costo decisamente elevato, circa 24 euro, soldi che potete risparmiare, dopo tutto non tutti i giorni, una software house regala i suoi DLC non trovate? Non è richiesta una particolare uccisione o un arma specifica, potete farle silenziosamente, con l’arco, con la pistola, con quello che ritenete più opportuno, l’importante che vi qualificate in prima posizione, un traguardo davvero molto difficile da raggiungere, considerando che tutti nel mondo si impegneranno per riuscirci, ma solo un solo fortunato giocatore verrà premiato.

Personalmente pure se avessi il tempo non lo farei in quanto so per certo che non vincerei dato che al mondo, esistono giocatori accaniti che non dormirebbero o mangerebbero per raggiungere questo traguardo. E voi? Avete intenzione di cogliere la sfida lanciata da Ubisoft per ottenere gratuitamente il Seasons Pass e il titolo di assassino dell’anno? Cosa ne pensate del premio e di questo evento? Vi invitiamo a dire la vostra con un commento.

Per coloro che non lo sanno, vogliamo informarvi che ACIII è ambientato ai tempi della rivoluzione americana e farà vestire ai giocatori i panni di Connor, un nativo americano, assassino nato da padre templare e madre indiana.