60.000 mod chip bloccati dalla Cina !

Pubblicato da: x0x Shinobi x0x- il: 03-12-2010 13:55

Come sappiamo la pirateria non è ben accetta nel nostro paese come in altri tra il quale gli Stati Uniti, la guardia di finanza ha bloccato bene 60.000 modchip provenienti dalla Cina per un valore complessivo di 54 milioni di euro.

La maggior parte delle modifiche sono rivolte al Nintendo DS, sono numerose le R4 che ogni giorno vengono bloccate dai paesi esteri, considerato che la vendita è illegale nel nostro paese, molti acquistano queste schede dalla Cina. Di seguito vogliamo riportarvi il comunicato stampa ufficiale.

Milano, 2 dicembre 2010 – Sì è tenuta questa mattina presso il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Pordenone una conferenza stampa per presentare i risultati dell’attività  di contrasto alla pirateria videoludica condotta dalla Guardia di Finanza sotto il nome di “Operazione Mod Over”.
L’attività  investigativa è partita a seguito dell’individuazione della vendita di prodotti atti ad eludere le misure tecnologiche di protezione delle console nel corso di un evento fieristico del capoluogo friulano e ha poi visto i finanzieri di Pordenone impegnati nell’identificazione del fornitore dei dispositivi sequestrati: un quarantenne di Barletta titolare di una società  avente sede ad Honk Kong che produceva tali dispositivi, li introduceva nel nostro paese e, infine, li commercializzava su tutto il territorio nazionale.


A seguito delle perquisizioni nei confronti dei clienti della società  importatrice, che hanno coinvolto ben 22 reparti territoriali della Guardia di Finanza, le indagini si sono concluse con lo smascheramento di un traffico illecito di circa 60.000 dispositivi elettronici provenienti dalla Cina e la segnalazione all’Autorità  Giudiziaria di 46 persone, di cui 38 titolari di attività  commerciali. A questi ultimi sono state contestate le ipotesi di reato previste dall’art. 171 ter della Legge 633 del 1941 per le quali è prevista la reclusione da uno a quattro anni e la multa da 2.582 a 15.493 euro. La società  importatrice è stata invece denunciata per illecito amministrativo ai sensi dell’art. 25 nonies del D. Lgs 231 del 2001.


Il valore complessivo del danno al sistema legale è stimato intorno ai 54 milioni di euro, se si considera che ciascuno dei 60.000 dispositivi importati può contenere circa 30 videogiochi pirata e che il prezzo medio di un titolo originale per console Nintendo DS corrispondeva nel 2009 a 30,12 euro (fonte: GfK Retail and Technologies). Tale dato appare ancora più allarmante se si prende atto che il danno stimato da questa singola attività  smascherata è pari all’ 8,6% del valore del mercato legale del software dei videogiochi del 2009.

x0x Shinobi x0x

SEO WEB COPYWRITER: Tester, Recensore, Blogger ,Youtuber e Streamer, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento Videoludico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato