Total War: Attila, annunciato da The Creative Assembly

Pubblicato da: AlessioTanca- il: 29-09-2014 6:40

Total War: Attila

La casa produttrice The Creative Assembly qualche giorno fa ha ufficialmente fatto sapere ai propri fan della fine dei lavori per quanto riguarda Alien Isolation, oramai pronto per essere commercializzato, e subito fa sapere di un altro suo progetto.

The Creative Assembly annuncia Total War: Attila

Come avrete già ben capito dal titolo stesso, vi stiamo parlando di Total War: Attila, quest’ultimo, salvo eventuali imprevisti dovrebbe fare la sua prima apparizione al pubblico a partire dal prossimo anno solo ed esclusivamente su Mac e Pc. Questo nuovo titolo avrà dalla sua diverse caratteristiche già proposte nel glorioso Rome II e tanto richieste dai giocatori.

Infatti, a grande richiesta ci saranno nuovamente gli alberi genealogici per le famiglie ma anche quelli che riguardano le abilità. Non è finita qua, avremo moltissimi scontri tre le strade in città, la presenza di persone ma soprattutto la grande opportunità di radere al suolo qualsiasi abitazione.

Total War: Attila, la sua comparsa la farà solo nel 2015

Ecco molto brevemente quello scritto nel comunicato stampa della casa produttrice: gli anni più bui sono all’orizzonte, un’epoca molto difficile, una guerra che sembra non finire più, in cui tantissime persone sono in fuga da un’ondata di morte. Moltissime tribù di Barbari affronteranno un impero Romano che sembrava arrivato alla fine dei suoi giorni. Nel frattempo si raduna una forza enorme che molto difficilmente si potrà bloccare, a guidarla sarà un guerriero molto forte che vuole conquistare tutto. Il flagello di Dio, ovvero Attila l’unno.

In conclusione, ci teniamo a ricordarvi come il titolo precedente a questa serie, ovvero Total War: Rome II, è uscito sul mercato a partire da Settembre dello scorso anno, fino ad oggi ne sono state vendute la bellezza di 800 mila copie solo nel primo mese dalla sua comparsa. Il gioco più venduto targato Sega nell’anno fiscale che ha visto la sua fine in data 31 Marzo di quest’anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato