Anteprima Madballs in Babo: Invasion

Pubblicato da: noth1ng- il: 26-06-2009 12:55 Aggiornato il: 01-09-2015 14:29

Per chi non lo ricordasse, le madballs erano delle palle di gomma che raffiguravano, ognuna, un essere terrificante. Negli anni 80 ci fu il boom di questi giocattoli che finirono anche in videogiochi e “gadgetistica”. Oggi, per l’appunto, presentiamo l’evoluzione delle Madballs per Xbox Live Arcade: Madballs in Babo: Invasion.


In Madballs impersonerete Oculus Orbus o Horn Head (due personaggi della famosa serie). All’inizio dello sviluppo, questo gioco, non aveva niente a che fare con le madballs, ma dopo l’incontro con Microsoft, ci fu una vera e propria unione con American Greetings, per includere i giocattoli in questione.

Le due Madballs, si sono schiantate sul mondo dei Babo, dove c’è in corso una guerra civile fra i sovracitati Babo e gli Scorched (i Babo, sono i “buoni”). Sono tutti molto simili alle Madballs, essendo delle teste volanti, ma hanno sicuramente un aspetto migliore.

Il tipo di gameplay è presto detto. Madballs è un arcade shooter in cui dovrete cercare di recuperare dei moltiplicatori per aumentare il vostro punteggio. Navigherete in ambienti labirinteschi nella campagna single-player (o fino in quattro giocatori, cooperativamente), evitando nemici o aggeggi mortali, cercando di scoprire fino a 50 segreti (che potranno includere personaggi, armi e tanto altro).
Il gioco è in 3D ma tutto quello che dovrete fare sarà muovere il vostro personaggio sull’asse X, muovendolo con la levetta analogica ed utilizzando i grilletti per sparare.
La visuale default è piuttosto vicina e dietro il personaggio, ma potrete decidere di cambiarla come meglio preferite.

I Babo si presentano in una buona varietà, ognuna delle quali con due abilità speciali, uniche nel suo genere. Potrete scegliere fra ben 12 personaggi diversi nel singleplayer, che siate Babo o Scorched. Oltre ai personaggi, però, ci sono anche le classi: heavy, support, flying, assault e runner.
La classe Heavy, maneggia al meglio le armi pesanti, mentre i Runner avranno molto rinculo quando spareranno ma potranno muoversi molto più velocemente.
A parte le loro specifiche che determinato le statestiche base dei personaggi, ci sono due attacchi speciali che distinguono una classe dall’altra. Ad esempio, Jenkins (dei Babo) può lasciare una bolla di energia dalla quale i suoi compagni potranno ritrovare parte della vita e Magmor (degli Scorched) può letteralmente espandersi e schiacciare gli avversari con il proprio peso.

Queste specialità sono molto utili nelle modalità multiplayer, ma per quanto riguarda il singleplayer, starà a voi decidere come andare avanti, dato che per completare il livello non dovrete uccidere tutti i nemici. Questi ultimi, infatti, lasceranno dei moltiplicatori che potrete raccogliere e che potrete trovare anche in diversi barattoli (che potranno contenere anche energia) sparsi per i livelli.
Se poi siete delle persone che amano la competizione, non preoccupatevi. Madballs offre ben 56 “leaderboards” ed oltre a queste, un sistema multiplayer davvero molto vasto.

Proprio la modalità multiplayer è quella che differenzia Madballs dagli altri giochi per XBLA. C’è un supporto per l’avatar, grazie al quale potrete importarlo nel gioco e “personalizzare” la vostra madball (solo la testa, ovviamente).
Con questa trasformazione, al momento della vostra “morte”, il personaggio scomparirà lasciando una bella scia di coriandoli (mentre, se utilizzerete le teste originali del gioco, il pg esploderà in una pila di sostanza appiccicosa).

Potrete giocare fino a 16 giocatori in 5 differenti modalità: Avatar, Skirmish (meglio conosciuta come free-for-all), Team Skirmish (come la precedente, ma con l’aiuto dei vostri amici), Capture the Flag e Invasion.
L’ultima, è sicuramente la più interessante. In Invasion sarete effettivamente voi a creare il livello, posizionando i vari tasselli a turni. Il posizionamento deve avere ovviamente una base di strategia, dato che l’obiettivo è quello di distruggere la base nemica, prendendo possesso di più nodi d’energia possibili per abbassare le sue difese.
Dove posizionerete questi nodi, ovviamente, influenzerà la difficoltà di difesa della vostra base e, è inoltre da ricordate, che la mappa sarà differente ogni volta che giocherete.
Le tantissime modalità multiplayer di Madballs vi faranno sicuramente rimanere attaccati allo schermo per un bel po’, controllando le vostre teste volanti armate di armi supertecnologiche. Purtroppo, però, non c’è nessuna modalità multiplayer offline.

Il gioco comprende ben 21 mappe, ciascuna delle quali è stata realizzata con i propri tratti unici e differenti caratteristiche. Alcune avranno delle rampe lunghissime e delle piattaforme di boost che vi lanceranno in giro per lo schermo. In altre, invece, potreste trovarvi a fronteggiare uno “sciame” di pietre infinito che vi viene addosso.
Anche se voi rotolerete da un labirinto ad un altro, i livelli offrono una diversità tale da far in modo che la monotonia non entri a far parte delle sensazioni che proverete.
In un livello potreste trovarvi in una giungla ed in un altro, all’interno di un laboratorio super tecnologico.

Ricordiamo che la demo sarà distribuita, probabilmente, la prossima settimana e quel che c’è di interessante è che comprenderà il tutorial, il primo livello della campagna singleplayer e 3 sessioni di multiplayer (più di 30 minuti per ogni match). In questo modo avrete la possibilità di giocare contro altri 15 giocatori in XBLA, in tutte le modalità che abbiamo elencato, per vedere effettivamente come si presenta Madballs in Babo: Invasion.

Purtroppo non è ancora disponibile una data di distribuzione ma il gioco dovrebbe essere disponibile per quest’estate. Anche il prezzo rimane tutt’ora un mistero, anche se dovrebbe rimanere vicino ai 1200 MP (Microsoft Points).
Madballs in Babo: Invasion si presenta come un gioco veloce, semplice da imparare e con moltissime aree da esplorare e punteggi da battere, se vi piacciono le sfide. Aspettatevi questo gioco nei prossimi mesi e cercate di non perdervi la demo !

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato