Space Invaders

Titolo: Space Invaders
Casa: Taito – Anno: 1978
Genere: sparatutto Giocatori: 1

gioco di grande successo che ha dato il via ad una lunga serie di imitazioni e rifacimenti,più o meno belli. Lo scopo è distruggere tutte le navi aliene con il lanciamissili laser cecando di fermare gli invasori,prima che riescano a distruggere con i loro missili i bunker protettivi ed il lanciamissili. Ogni tanto passa un disco volante in alto che, se colpito, dà  un bonus. Note:ne esistono molte versioni, la prima delle quali era in bianco e nero; concesso anche in licenza alla Midway per la produzione negli USA; Space Invaders causò un calo dello yen, poichè molti negozi di prodotti e beni comuni in Giappone fecero sparire d’un tratto le loro merci per trasformarsi in sale giochi dedicate a Space Invaders, con tanto di altoparlanti giganti a trasmettere il thump-thump-thump della marcia degli invasori; contiene il primo attract mode condito da senso dell’umorismo, visto che mostra la scritta INSERT CCOIN e uno degli invasori arriva a bombardare la C di troppo; ci sono 60 invasori per schermata e 11 differenti suoni. Curiosità :fu il primo gioco da sala ad aprirsi un varco fuori dalle solite sale giochi per comparire in pizzerie e gelaterie; il fenomeno Space Invaders lasciò sbigottiti gli adulti più conservatori che divennero presto certi che i videogiochi avrebbero rovinato le menti dei loro giovani; gli abitanti di Mesquite in Texas portarono la causa fino alla Corte Suprema cercando di far cacciare le macchine infernali dalla loro comunità  devota alla Bibbia; Space Invaders ispirò una coinvolgente canzone di successo di Buckner e Garcia intitolata Space Invaders e pubblicata sull’album Pac-Man Fever. SERIE: 1. Space Invaders (1978) 2. Return of the Invaders (1985) 3. Super Space Invaders 91 (1990) 4. Space Invaders DX (1994) 5. Space Invaders 95 – The Attack of Lunar Loonies (1995)