Ubisoft nei guai, Cracker ruba 900 GB di dati

Ubisoft colpita da un Cracker: Rubati 900 GB di dati

Il 20 dicembre è stato un giorno cruciale, ma infelice, per la sicurezza digitale, con un individuo che è riuscito a infiltrarsi nei server di Ubisoft, mettendo le mani su un’enorme mole di dati, stimati intorno ai 900GB. Quest’attacco ha sollevato interrogativi cruciali sulla protezione dei dati nell’industria dei videogiochi, sottolineando la necessità di procedure di sicurezza più solide e approfondite.

Conferme e Indagini

Ubisoft ha confermato l’incidente e ha avviato indagini approfondite per valutare la portata e le circostanze del furto. Nonostante ciò, al momento, non sono stati divulgati dettagli specifici sull’attacco.

Le Tracce del Furto e i Dati Colpiti

Le prime tracce del furto sono state individuate sotto forma di immagini che raffigurano strumenti di sviluppo interni e software aziendali. I dati compromessi sembrano essere legati ai server di Ubisoft SharePoint, Microsoft Teams, Confluence e MongoDB Atlas. Anche se il presunto obiettivo sembrava essere l’accesso ai dati degli utenti di Rainbow Six: Siege, fortunatamente, questa azione è stata fermata prima di danneggiare i dati.

Avete già saputo che Ubisoft è stata criticata per i popup pubblicitari in Assassin’s Creed?

Il Contesto: Ubisoft e l’Industria Videoludica

Questo non è il primo attacco subito da Ubisoft, essendo già stato vittima di furti nel 2020 e nel 2022. La ripetizione di tali attacchi solleva interrogativi più ampi sulla sicurezza informatica nell’industria videoludica, richiamando alla mente casi simili che hanno coinvolto altre aziende del settore.

Le Consegne Futuribili e l’Attuale Focus

Attualmente, l’attenzione si concentra sulle indagini in corso e sulle potenziali conseguenze di questo furto di dati per Ubisoft e per gli utenti coinvolti. Si spera che questo episodio spinga non solo Ubisoft, ma anche altre aziende, ad adottare misure più solide di sicurezza digitale per proteggere le informazioni sensibili e la privacy degli utenti.

Il Futuro e la Sicurezza Digitale

Resta da vedere quali saranno le prossime mosse dell’azienda e se questo evento accelererà l’adozione di nuove e più robuste politiche di sicurezza digitale nell’industria del gioco. È imperativo un cambiamento, non solo per Ubisoft, ma per l’intero settore, per garantire un ambiente di gioco sicuro e affidabile per tutti gli utenti.