MW

Titolo: MW
Autore: Osamu Tezuka
Casa editrice: Hazard
Anno di uscita in Italia: 2005
Volumi: 3
Lettura: Normale
Genere: Drammatico
Personaggi: Iwao

MW è un potentissimo gas tossico la cui esistenza è tenuta segreta dai governi coinvolti nella sua creazione, in grado di uccidere con facilità  migliaia di persone, studiato per essere utilizzato nella guerra del Vietnam e seppellito in segreto in una piccola isola dell’arcipelago giapponese dall’esercito degli Stati Uniti. Ma MW non è solo questo: nel nostro caso è una storia tragica e cruda, storia della vita e del legame tra un tremendo assassino ed un tormentato sacerdote, unici sopravvissuti ad una fuga del gas tossico che, quindici anni prima rispetto alla storia narrata nel manga, uccise tutti gli abitanti dell’isola tra sofferenze atroci. I due, arrivati sull’isola per motivi completamente diversi, furono per un caso fortuito gli unici a scampare all’enorme tragedia, che li cambiò profondamente. Michio Ya»ki, all’epoca un bambino delicato e gentile, rampollo di una famiglia benestante ed allevato con tutte le gentilezze e tra le comodità , subì la tragedia nel peggiore dei modi: oltre ad essere menomato parzialmente nel fisico dagli effetti del gas, resistette al trauma ed all’orrore della morte privandosi del suo senso morale, convincendosi che se è possibile permettere l’accadimento di simili sventure, allora tutto può essere tollerato, e chiunque è giustificato a fare qualsiasi cosa per raggiungere i propri obiettivi e per soddisfare anche i suoi più biechi desideri. Iwao Garai invece subì una trasformazione opposta: da giovane balordo senza alcun obiettivo e valore, ha scelto di redimersi e di darsi al sacerdozio, in modo da cercare di salvare Michio dalla via della perdizione. Da quel giorno sono passati quindici anni, ed il rapporto tra i due è diventato estremamente complesso. Da una parte Michio, che cerca vendetta nei confronti della classe politica che è stata la causa dell’incidente che gli ha cambiato la vita, si approfitta della condizione tormentata del parroco, mentre Iwao sopporta e tollera la condizione del giovane, nascondendo le sue malefatte alla legge, con la speranza di poterlo riportare sulla retta via, alle volte superando lui stesso, anche di molto, il confine tra ciò che è moralmente accettabile e ciò che non lo è. Quale sarà  il destino di queste tormentate figure? Sarà  Michio a riuscire a compiere la sua immorale vendetta oppure sarà  Iwao a redimersi per i suoi peccati, salvando il giovane e placando gli orrori che tormentano la sua esistenza?