Tutti i vincitori agli Italian eSports Awards

Pubblicato da: Luca M.- il: 13-11-2020 11:55

I tornei e i campionati di eSports hanno cominciato a prendere piede fin dagli anni ’80 e negli ultimi anni hanno raggiunto, soprattutto all’estero, un successo incredibile tanto da essere seguiti alla stregua dei più importanti eventi sportivi.

Anche nel nostro Paese le cose stanno lentamente cambiando. Si è recentemente conclusa la cerimonia di premiazione degli Italian eSports Awards (IEA), ovvero il premio che viene assegnato ai personaggi che si sono maggiormente distinti nel mondo eSportivo nell’ultimo anno. I premi sono stati assegnati alla conclusione di Round One, l’evento nazionale dedicato all’industria dei videogiochi che ha visto la partecipazione in virtuale dei principali protagonisti di categoria e numerosi ospiti internazionali.

Promotore degli Italian eSports Awards è IIDEA, (Italian Interactive Digital Entertainment Association) che ha voluto sottolineare come questo fenomeno non sia destinato a rallentare. “Più di  1,4 milioni di persone seguono le competizioni eSports più giorni alla settimana, una crescita di più del 20% su base annua” ha dichiarato il suo presidente Marco Saletta. Un fenomeno in continua ascesa, percepito dagli appassionati italiani non solo come forma d’intrattenimento ma anche come strumento per migliorare la conoscenza dell’inglese e promuovere una competizione sana.

I premiati

La giuria di esperti di quest’anno era composta da Francesco “Deugemo” Lombardo (eSports reporter), Stefano Silvestri (direttore di Eurogamer.it e responsabile sezione eSports de La Gazzetta dello Sport), Filippo Pedrini (eSports, entertainment & new media advisor), Ivan Grieco (streamer, caster e presentatore) e Sara “Kurolily” Stefanizzi (variety streamer).

Questa giuria a decretato i vincitori di quest’anno assegnando ben 5 premi: Best Italian Team assegnato al Team QLASH,  Best Italian Player assegnato a Riccardo “Reynor” Romiti, Best Italian Content Creator assegnato a Giorgio “POW3R” Calandrelli che conta oltre 1 milione di follower su Twitch, Best Italian Caster assegnato a Simone “AkirA” Trimarchi, mentre il premio eSports Game of the Year è stato conferito a League of Legends, un videogioco online i cui campionati mondiali nel 2019 sono stati seguiti da oltre 100 milioni di spettatori in diretta mondiale.

Infatti, l’era del giocare per puro passatempo sembra ormai tramontata con le varie competizioni messe a disposizione dei giocatori. Gli appassionati di slot machine possono partecipare alle race di giochi di slot, gli amanti di console hanno a disposizione centinaia di titoli dove competere in co-op e i più bravi si sfidano nei tornei mondiali organizzati dalle software house più prestigiose.

Il fenomeno LoL

Il mondiale di League of Legends si è affermato senza dubbio come l’evento eSportivo più atteso di sempre e quest’anno le finali dei LoL Worlds 2020 sono state il primo evento a inaugurare il nuovissimo Pudong Stadium di Shanghai. Con un pubblico di 6mila spettatori a fronte di 160 milioni di appassionati in diretta streaming. I mondiali di LoL sono diventati un appuntamento fisso per centinaia di milioni di appassionati nel mondo, e l’evento in sé, racchiude performance e spettacoli degni del miglior half time del Super Bowl. Quest’anno, il 31 ottobre, si è svolta la finale tutta asiatica dove si sono scontrati i coreani di Damwon e i cinesi di Suning con i primi che sono riusciti a strappare un’incredibile vittoria riportando il trofeo in Corea del Sud.

Mondiale F1 eSport

Tra gli eventi più seguiti, non possiamo non citare il mondiale di Formula 1 eSport che ha preso il via il 14 ottobre con le prime gare sui circuiti di Bahrain e Vietnam. Ogni gara è trasmessa in diretta sulla piattaforma Twitch, con le qualifiche che partiranno alle 16.30 mentre le gare sono in diretta live a partire dalle 20.30. Quest’anno la novità del campionato vede i piloti collegati virtualmente con lo studio della GFinity eSports Arena di Londra, già teatro delle precedenti edizioni del campionato.

Tra i 20 simdriver, due per ognuna delle 10 scuderie, gli occhi sono già puntati sui favoriti: tra tutti David “Tonzilla” Tonizza, vincitore del mondiale piloti del 2019 e il suo compagno di scuderia Enzo Bonito, entrambi in Ferrari. Ma non bisogna sottovalutare gli sfidanti come Frederik Rasmussen che ha conquistato il campionato costruttori con il team Red Bull e il due volte campione Brendon Leigh, anch’essi molto agguerriti. Chi avrà la meglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato