WSOP: come partecipare

Pubblicato da: Luca M.- il: 04-12-2008 19:47 Aggiornato il: 31-08-2015 15:37

Partecipare alle World Series of Poker, almeno in linea teorica è possible per chiunque, siano essi professionisti o principianti, e l’esempio di Chirs Moneymaker ne è esempio lampante.

Ciò che bisogna ricordare che a seconda del tipo di torneo al quale si è interessati si potranno veder crescere i buy in da cifre che partono da 500 dollari per arrivare ai 10mila dollari ed oltre. Basti pensare all’H.O.R.S.E, specialità  che racchiude in se le 5 tipologie più importanti di Poker agonistico: Texas Hold àƒÂ¢à¢â€šÂ¬à‹Å“em, Omaha Poker, 7-Card Stud Razz, 7-Card Stud e Eights or Better, ovvero il 7-Card Stud Hi Lo. Per poter partecipare a questo evento il buy in è di ben 50mila dollari. Le iscrizioni alle World Series of Poker aprono in primavera e si chiudono solitamente due settimane prima dell’evento al quale si vuole partecipare. Esse sono effettuabile attraverso il sito delle WSOP presentando documento di identità  valido che attesti che si abbia almeno l’età  minima per la partecipazione e pagando il buy in tramite assegno bonifici, e nel caso che si effettui l’iscrizione direttamente al Casino Riò che lo ospita, tramite contanti o gettoni del casinò stesso.

Da qualche tempo vi è la possibilità  di accedere alla competizione anche  attraverso la vittoria di quelli definiti “tornei satellite“. Questa particolare tipologia di torneo, può essere disputata indistintamente dal giocatore sia in case da gioco terrestri che in case da gioco online, diffusesi a macchia d’olio grazie alla maggiore facilità  di accesso ed organizzazione sviluppatasi insieme allo sviluppo stesso della rete.

Moneymaker vinse le World Series nel 2003 accedendo attraverso un torneo satellite online, e lo stesso fecero i vincitori degli anni successivi Yang e Ravmer. E tutto questo pagando dei buy in veramente irrisori. Ed anche nel caso che non si raggiungessero gli spettacolari risultati dei giocatori sopracitati, entrare attraverso di loro nelle WSOP, lascerà  per sempre il ricordo, nei giocatori non professionisti, di essersi potuti sedere allo stesso tavolo dei loro beniamini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato