World Series Of Poker : la storia

Pubblicato da: Luca M.- il: 04-12-2008 19:26 Aggiornato il: 31-08-2015 15:37

Le World Series of Poker son il torneo più prestigioso ed importante a livello internazionale per tutte le specialità  di poker esistenti.

Nonostante si faccia coincidere il loro inizio con lo spostamento del torneo nel Nevada, nella città  del peccato di Las Vegas, la realtà  ci racconta una storia diversa. La prima edizione delle World Series of Poker vi fu nel 1968 quando Tom Morehead, il proprietario di un noto casinò di Reno, il Riverside, decise di organizzare un torneo di Poker ad inviti. Tale evento rimase nella storia essendo lo stesso il primo della sua tipologia sia per ciò che riguarda la sostanza del torneo, sia per la sua organizzazione, straordinariamente impegnativa. Le World Series of Poker si spostano a Las Vegas grazie all’impegno della famiglia Binion, che portò nei suoi casinò il Poker, insieme a discrete misure di sicurezza per prevenire l’espandersi dell’attività  dei bari. Fu così che l’esempio lanciato da Mroehead venne ripreso ed ampliato dai Binion, che due anni dopo nel 1970 organizzarono quelle che vengono riconosciute come la prima edizione di World Series of Poker.

Con i Binion nasce, oltre che  la tradizione WSOP, anche un certo stile di gioco d’azzardo, specialmente a livello coreografico. I loro casinò, è risaputo, furono i primi ad adottare particolari tipologie di arredamento, come la moquette sul pavimento o le limousine come mezzo di trasporto per i clienti, ed i drink da far bere loro. E’ noto come a chi chiedesse loro quale era la loro filosofia in fatto di gioco, I Binion rispondessero: “Good Food, Good Whiskey e Good Gamble” , ovvero “buon cibo, buona bevuta , buone scommesse”.

La prima edizione di WSOP si svolse in base a 5 eventi su altrettante specialità  di Poker: 5-Card Stud, 7-Card Stud, Deuce to Seven Low-ball draw, e il Razz. Fuorno vinte da Johnny Moss, giocatore divenuto leggendario al punto che un suo avversario decretà  che nessuno può sentirsi un vero giocatore se non è mai stato battuto da lui.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato