The Division : Una corposa lista di dettagli da Ubisoft – Video Trailer e Immagini

Pubblicato da: x0xShinobix0x- il: 12-07-2013 17:44 Aggiornato il: 12-07-2013 17:56

the division

Ubisoft, poche ore fa, ha diffuso sulla rete una grande quantità di dettagli riguardante The Division, la nuova IP per Xbox One e Playstation 4, giocabile esclusivamente online, e in questo articolo vogliamo condividerli con voi.

Istinto di sopravvivenza

The Division mostra quanto sia vulnerabile la società in cui si vive. Anche se viviamo una vita agiata, ci troviamo ad un passo dal collasso. Il sistema è cosi complesso e fragile che basta un piccolo incidente per scatenare una reazione a catena. Avete mai pensato a cosa potrebbe accadere se non esistesse più lavoro? Se non arrivassero rifornimenti dai camion e se gli ospedali non fornissero più assistenza medica? Nel gioco, un virus molto pericoloso e mortale ha messo in ginocchio numerose nazioni e si sta diffondendo a vista d’occhio.  Vestirete i panni di un membro di un organizzazione segreta chiamata The Division creata per evitare tali disastri. Nel corso della storia, bisognerà affrontare delle decisioni difficili.

Nei giochi della serie Tom Clancy in genere dobbiamo prevenire il disastro, in The Division invece bisognerà cercare di recuperare il salvabile e sopravvivere in uno scenario post apocalittico. La città di New York è completamente esplorabile, potrete incontrare altri giocatori e collaborare con loro per saccheggi, socializzazione, crafting delle armi e molto altro ancora. Per realizzare il videogioco, ci siamo rivolti ad ex agenti della CIA, militari, medici, survivalisti ed altri esperti nel settore. Alcuni hanno tenuto dei corsi di sopravvivenza a noi sviluppatori per darci modo di capire cosa significasse realmente.

Nel 2001, gli USA hanno messo in atto una simulazione su vasta scala chiamata Operation Winter Dark, che ha dimostrato l’incapacità da parte del governo di contenere una crisi di tale portata. E’ stato chiaro fin da subito che gli USA non riuscirebbero mai a sopravvivere ad una simile catastrofe. Nel 2007, Bush ha firmato la Direttiva51 che permette al presidente di prendere le decisioni in caso di emergenza.  Ed è qui che inizia il gioco!

Nextgen e realismo

Il nostro obiettivo è ed è sempre stato quello di permettere al giocatore di immergersi completamente nel gioco che stiamo preparando, di sentirsi parte della società virtuale,protagonista e di avere il dovere di aiutare gli altri. Abbiamo creato un motore da zero chiamato Snowdrop, appositamente per questo gioco,esso sfrutterà  la potenza delle nuove console per offrire un universo di gioco immenso con un intelligenza artificiale molto complessa, elementi distruttibili e un illuminazione dinamica. Volevamo creare una New York devastata e ci siamo riusciti. Per rendere il gioco più realistico e dinamico possibile, abbiamo ideato  un applicazione per tablet e smartphone, coloro che dispongono di un dispositivo Android, iOS o Windows Phone avranno modo di interagire con il gioco in svariati modi.

Abbiamo trascorso dei mesi a studiare la città, per riprodurre le stesse strade, la stessa atmosfera, gli stessi elementi, ovviamente ci siamo presi libertà di fare qualche modifica qua e la per rendere il gioco nostro. Gli ambienti sono ricchi di elementi in continua mutazione. I giocatori, potranno personalizzare il proprio personaggio scegliendo il ramo di abilità preferito, acquistare , vendere o scambiare materiali, utilizzare armi di vario genere, organizzare delle squadre e molto altro ancora.

Per quanto riguarda l’orologio in dotazione degli agenti, una volta attivato, il giocatore potrà comunicare con i propri compagni, raccogliere informazioni sull’ambiente circostante come ad esempio lo stato dell’infezione, gli oggetti utili ecc. The Division è illimitato in termini di longevità, potete saccheggiare, esplorare, costruire e personalizzare. Per cui non vi è un tempo da definire come longevità, è immenso. Infine, il PVP ricoprirà un ruolo molto importante. Coloro che incontreremo, potranno decidere se allearsi con noi oppure affrontarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato