Worms W.M.D: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 04-12-2017 9:45

Chi non è cresciuto con i vermi armati fino ai denti? Ci stiamo naturalmente riferendo a Worms, ed oggi siamo lieti di condividere con voi, la nostra Recensione di Worms WMD, disponibile da qualche giorno su Nintendo Switch. 

Worms W.M.D Recensione

Dopo il successo ottenuto su PC, PS4 e Xbox One, Worms approda anche su Nintendo Switch tramite l’eShop della console. W.M.D permette ai giocatori di divertirsi sia a casa che in mobilità, grazie alle caratteristiche della console.

Il titolo sfoggia un comparto grafico di tutto rispetto, realizzato in cell shading e dagli scenari artistici e moderni. Worms W.M.D offre la possibilità di craftare la propria arma, utilizzare veicoli come carri armati per fare una strage di vermi,e non manca all’appello la personalizzazione.

Naturalmente, parliamo pur sempre di uno strategico a turni, gameplay che ha reso celebre la serie nel corso degli anni. Invariati i contenuti del gioco, rispetto alle versioni che abbiamo apprezzato su PC e console.

Worms W.M.D sfoggia 30 livelli per la campagna, missioni sfida ed alcuni extra per soddisfare le esigenze, di coloro che amano giocare in single player, con un comparto multiplayer di tutto rispetto.

E’ possibile partecipare alle sfide online contro altri giocatori, salire di livello e ricevere premi di vario tipo, con la possibilità inoltre, di giocare fino a 6 giocatori su una sola console, passandosi i Joy-Con. 

Durante il proprio turno, siamo chiamati a valutare le armi da utilizzare e la posizione dei vermi, le munizioni rimaste e sfruttare la conformazione dello scenario a proprio vantaggio, il tutto prima dello scadere del tempo.

Durante i match, compariranno random dei veicoli, i quali possono essere utilizzati per avere la meglio sugli avversari. Carri armati, elicotteri, mech e chi più ne ha più ne metta, strumenti utili e in grado di cambiare radicalmente le sorti della partita.

Nascosti nelle casse sparse per i livelli, troveremo materiali utili per la creazione di armi e potenziamenti, modalità molto gradita quanto inedita nella serie, la quale aggiunge un pizzico di varietà ad un titolo tanto amato quanto vecchio.

E’ possibile smontare le bocche di fuoco in dotazione, sfruttando i materiali raccolti per potenziare al meglio il proprio arsenale. Ciò ci porterà il più delle volte, a sprecare se cosi possiamo dire, il nostro turno, nel tentativo di recuperare le casse ed oggetti utili per infliggere al nemico, al turno successivo, ciò che merita.

 

Sfruttando gli edifici e rifugi, è possibile difendersi dai colpi degli avversari, oltre ad avere il tempo necessario per curarsi e fabbricare armi. Non mancano all’appello armamenti fissi come mitragliatrici, mortai, cecchini e molto altro ancora.

Worms come da tradizione, vanta una generosa per non dire incredibile, presenza di gadget tra cui bazooka, granate, jetpack, bomba sacra (non poteva di certo mancare) e chi più ne ha più ne metta.  

Tramite le missioni extra, è possibile partecipare a delle vere e proprie boss fight, le quali se portate a termine, ricompensano i giocatori con contenuti aggiuntivi molto interessanti. In ogni match online, vi sono delle preferenze da settare, tra cui il tempo del round, il numero di armi e cosi via dicendo.   

Worms W.M.D Gameplay Trailer

Lo stile grafico cartoonesco e gli effetti audio durante gli scontri, rendono Worms W.M.D un titolo di tutto rispetto, aggiunto ad un gameplay frenetico e mai monontono, divertente seppur ripetitivo. 

Per anni Worms è sempre stato il fiore all’occhiello per gli appassionati dei combattimenti a turni, conquistando un posto nel cuore dei giocatori, indipendentemente dalla piattaforma in uso, ed è inutile dire, che anche su Nintendo Switch, il titolo si comporta egregiamente sia in mobilità che sul grande schermo.

7.8

Grafica
7.5
75%
Gameplay
8.0
80%
Sonoro
7.0
70%
Longevità
8.5
85%

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato