Tower of Guns Recensione e Video Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 13-04-2015 8:30 Aggiornato il: 29-05-2015 10:50

tower of guns
Non è Unreal Tournament e tanto meno Borderlands, il gioco di cui vi parleremo quest’oggi è Tower of Guns che abbiamo avuto modo di provare in anteprima su Xbox One prima del lancio.

La torre dei proiettili

Tower of Guns è uno sparatutto in prima persona con generazione delle mappe casualmente e potenziamenti che si sbloccano superando determinati obiettivi con Boss fight da affrontare. Il gioco inizia con una storia suddivisa in compiti semplici da completare e con delle scritte su schermo che guideranno il giocatore nei primi minuti di gioco o almeno fino a quando la situazione non diverrà più seria del previsto a causa delle miriadi di proiettili che vagano nell’aria per colpirvi.
L’obiettivo da conseguire è quello di raggiungere l’ultimo piano della torre evitando di morire, non ci sono salvataggi e non vi è nessuna possibilità di continuare il che significa che una volta morti un bacio e tanti saluti, perderete tutti i potenziamenti e sarete costretti a iniziare l’avventura da zero. Una volta avviata la partita dovrete decidere un’arma da portarvi dietro tra quelle sbloccate, inizialmente avrete accesso solo a due armi dopo di che ne sbloccherete delle altre cosi come per i poteri. 
tower of guns gameplay 2

Saccheggiare è importante

Trappole, cannoni, nemici di ogni sorta vi attendono nella torre che come abbiamo detto si auto genera a random dando al giocatore la possibilità di esplorare (per cosi dire) nuovi territori ad ogni partita. Ogni nemico ucciso lascia cadere degli oggetti di vitale importanza da raccogliere se si desidera potenziare l’arma, recuperare l’energia o incrementare il bottino. Con il proseguire della trama otterremo delle tessere speciali che ci permetteranno di avere poteri aggiuntivi come lo scudo o l’incremento della difficoltà, armi extra sia primarie che secondarie. Ogni fine livello vi è un boss da sconfiggere per passare all’area successiva, robot giganteschi ricchi di torrette pronti a fare fuoco senza pietà contro il primo che capita.

La grafica non è tutto

Un gameplay decisamente frenetico e veloce, nel giro di poco tempo ci si ritroverà circondati da nemici e non si avrà più il tempo per leggere i testi o analizzare la propria barra vitale poichè impegnati in una feroce sparatoria. Graficamente parlando ci troviamo di fronte ad un titolo mediocre ma in grado di portarvi via diverse ore del vostro tempo.  Il team di sviluppo ha deciso di adottare uno stile grafico cell shading che purtroppo non esce a rendere gli scenari cosi come le armi piacevoli da vedere, Tower of Guns punta esclusivamente sul divertimento con un pizzico (forse troppa) di sfida.
tower of guns gameplay
Quando vi troverete di fronte a centinaia di proiettili da schivare e nemici da distruggere non baderete molto al comparto grafico del titolo che purtroppo non è all’altezza di molti giochi di nuova generazione. Se siete alla ricerca di uno sparatutto frenetico, impegnativo e divertente allora puntate su Tower of Guns, se invece il comparto grafico è il vostro chiodo fisso allora conoscete la risposta. 

Considerazioni personali

Essendo un’amante della grafica della serie anche l’occhio vuole la sua parte ho fin da subito giudicato male Tower of Guns ma dopo qualche minuto di gameplay mi sono ricreduto in quanto è in grado di scatenare nei gamer il desiderio di sparare a tutto ciò che si muove, riportandoci agli anni 90 come fosse un arcade da cabinato. Il desiderio di sfida cresce sempre di più man mano che si scala la torre cosi come quello di giungere in cima, sconfiggere il Boss finale e dire “sono riuscito a conquistare la torre”.

Giovanni Damiano

SEO WEB COPYWRITER: Recensore, Tester, Blogger e Youtuber, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento videoludico

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato