Spellspire: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 09-11-2017 7:00 Aggiornato il: 09-11-2017 7:04

Quando si fonde il paroliere ad un gioco di ruolo otteniamo Spellspire, il nuovo indie game di 10tons Ltd, ed oggi su gentile concessione degli sviluppatori vogliamo condividere con voi la nostra Recensione.

Il mago dei vocaboli

Spellspire di differenzia dai classici RPG ai quali siamo stati abituati per anni, proponendo come un puzzle game dai combattimenti a turni, nei quali bisogna comporre il maggior numero di parole con le lettere a disposizione per poter infliggere danni agli avversari.

Il gioco ci pone di fronte ad una torre molto alta da scalare, in ogni piano vi sono nemici e boss da sconfiggere utilizzando le parole e diciamolo, anche un pò di magia. Il lato negativo del titolo risiede purtroppo nell’assenza del supporto italiano, costringendo i giocatori a conoscere i vocaboli in lingua inglese per poter proseguire l’avventura ed avere la meglio negli scontri.

La torre di babele

Ogni qual volta si elimina un nemico, questi farà cadere risorse importanti che permettono di potenziare e migliorare l’equipaggiamento e le abilità del mago. In caso di decesso, la partita proseguirà dal medesimo piano raggiunto, fornendoci dei consigli utili su come proseguire.

In qualsiasi momento è possibile ottenere degli aiuti in gioco seppure in maniera limitata, con i quali potremo compilare le caselle sottostanti per formare una parola. Maggiori sono le lettere utilizzate e migliore sarà l’attacco e quindi il danno inflitto al nemico.

Shopping medioevale 

Durante la scalata ci accompagnerà una mongolfiera con la scritta SHOP, un negozio ambulante che in cambio di monete d’oro permette di sbloccare nuovi potenziamenti, capi d’abbigliamento ed altro ancora per il giovane mago.

Tramite lo zaino è possibile accedere durante i combattimenti agli oggetti raccolti o acquistati nel corso dell’avventura, in grado di curare le nostre ferite o semplicemente donarci la possibilità di infliggere un quantitativo maggiore di danni.

Ogni scontro è gestito da una sorta di clessidra rappresentata da un ingranaggio, avremo a disposizione solo pochi secondi per compilare le parole prima di ricevere l’attacco avversario. Tramite il menù principale è possibile consultare una sorta di bestiario, il quale ci fornirà informazioni generali su ogni nemico incontrato nella torre.

I goblin, le guardie e tutti gli altri avversari che popolano la torre hanno caratteristiche uniche, dalla velocità di attacco alla potenza dello stesso, immunità ad un certo tipo di elemento ed altri fattori che bisogna studiare con attenzione per equipaggiarsi al meglio.

2.5

Spellspire nasce come gioco Mobile e nonostante lo sforzo degli sviluppatori di portare questo puzzle game originale quanto longevo su console, l'assenza del supporto italiano tiene alla larga coloro che non masticano la lingua estera,per non comporre parole a caso pur di proseguire rovinando il divertimento proposto.

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato

Termini di ricerca:

  • spellspire recensione