[Recensione] Warhammer: End Times Vermintide

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 10-10-2016 7:00 Aggiornato il: 15-02-2017 10:04

Warhammer End Times Vermintide è ufficialmente disponibile anche su console oltre che su PC Steam, ed oggi siamo qui per condividere con voi la nostra recensione. Gioco in prima persona ispirato a Left4Dead ma ambientato nel mondo di Warhammer, porta i giocatori in ambientazioni popolate dauomini ratto nei panni di un cacciatore di streghe, un’elfa guardiana, un soldato dell’impero, un nano esploratore e una maga splendente.

Warhammer End Times Vermintide

Warhammer End Times Vermintide:  La caccia ai ratti ha inizio

Il gioco ha un totale di 13 livelli, ognuno di essi con una buona longevità, la particolarità interessante risiede nel suo gameplay che ricorda il capolavoro di Valve, con la differenza che questa volta non sono i non morti la vera minaccia, ma dei ratti simili ad esseri umani. Vermintide propone una struttura di gioco suddivisa in missioni, dove il giocatore ha piena libertà di scelta sull’arma da utilizzare, tra il corpo a corpo e la distanza, armi da fuoco o da mischia, granate o magia.

Sulla destra dello schermo in un’apposita interfaccia è presente l’inventario con gli oggetti a disposizione e come in Left4Dead abbiamo il Tank, anche in Warhammer ci troveremo spesso a dover affrontare il Rattogre di Vermintide, un ratto gigante e muscoloso in grado di eliminare il giocatore e i suoi compagni di viaggio con pochi colpi.

Vermintide_Review_Kit_Screenshot_001

A dimostrazione di come il titolo sia ispirato a Left4Dead troveremo altri nemici come il Packmaster simile al Jockey ed altri “ratti speciali”.5 sono i personaggi che possiamo impersonare, ognuno di essi con abilità particolari e differenti tra di loro, impugnando armi come spade o martelli si hanno a disposizione attacchi classici o caricati, parate o spinte potenti che consumeranno la stamina ma che elimineranno più ratti simultaneamente, utile per uscire da situazioni spiacevoli

I segreti di Vermintide

In ogni livello sono nascosti dei segreti che una volta celati offriranno ricompense sostanziose alla fine della missione, come oggetti rari o un’esperienza maggiore, che permetterà di salire di livello il più rapidamente possibile. Gli oggetti raccolti purtroppo finiranno nello stesso inventario, occupando il posto di una pozione fino alla fine del livello e addirittura in alcuni casi dimezzando la vita a tutti i giocatori, ma offrendo benefici al completamento della missione, come nuove armi da utilizzare o equipaggiamento in grado di modificare lo stile di gioco.

Warhammer-End-Times-Vermintide-game

In Warhammer End Times Vermintide ci sono livelli di esperienza e armi da conquistare, abilità speciali da sbloccare e materiali pregiati da raccogliere per forgiare nuovi equipaggiamenti, la necessità di salire di livello per affrontare missioni sempre più impegnative, porta i giocatori a ricompletare le medesime alla ricerca di collezionabili tralasciati o semplicemente per il gusto di eliminare nemici già affrontati e ottenere bottini e ricompense speciali. Al termine di ogni missione verremo teletrasportati in una locanda dove risposarsi tra un acquisto e la consultazione della mappa per le prossime missioni, senza contare la possibilità di utilizzare in qualsiasi momento la chat di gioco per comunicare con gli altri giocatori.

3.5

Se avete apprezzato Left4Dead sicuramente troverete Vermintide di vostro gradimento in quanto nonostante il gameplay sia molto simile al titolo di Valve, offre delle differenze che bastano per rendere il nuovo Warhammer un vero capolavoro, divertente da giocare sia con perfetti sconosciuti che con gli amici. Assolutamente fantastico come ambientazione, gameplay, longevità che fa leva sul fattore rigiocabilità e varietà, un titolo consigliato sotto ogni punto di vista.

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato