The Bridge: Recensione, Trailer e Gameplay

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 06-09-2015 8:05 Aggiornato il: 13-09-2017 8:47

Dopo il suo esordio su STEAM avvenuto molto tempo fa, The Bridge arriva anche su Nintendo Switch, ed oggi vogliamo condividere con voi la nostra Recensione.

Nel paese dell’astratto

The Bridge è un gioco in grado di portarvi a ragionare fuori dagli schemi, non solo per il comparto grafico innovativo e accattivante, ma anche per gli scenari astratti e privi di un qualsiasi senso logico.

Lo scopo è quello di completare i numerosi livelli che compongono le avventure di questo artista incompreso, suddivisi nelle stanze della sua dimora, ruotando la visuale tramite i grilletti del controller al fine di portare il protagonista ad aprire la porta, che gli permetterà di proseguire il suo misterioso viaggio in un mondo in cui non esistono colori.

Nonostante il gameplay risulti ripetitivo non riesce in alcun modo ad addormentare il giocatore portandolo a sbadigliare dalla noia, poichè la vera innovazione di The Bridge rispetto a molti altri puzzle game, spazia dal comparto grafico che sembra disegnato a mano, ad una colonna sonora agghiacciante ma allo stesso tempo coinvolgente.

Pensare fuori dagli schemi

In ogni livello dovremo risolvere dei piccoli enigmi per poter sbloccare l’accesso alla porta finale, a volte cosi frustranti da lasciare il giocatore a riflettere per diversi minuti prima di agire, realizzando degli schemi mentali più folli del gioco stesso.

The Bridge vi farà dimenticare le leggi della fisica, portandovi in un mondo dove rischierete di smarrire la vostra mente. Come in ogni gioco anche in questo fantastico indie game il protagonista dovrà fronteggiare la sua nemesi, una sfera circolare dallo sguardo diabolico che porterà il giocatore di fronte alla schermata del gameover con un tocco.

Il gioco inizia con il protagonista sotto le fronde di un’albero durante un riposino quotidiano, il giocatore si troverà a famigliarizzare con i comandi fin dai primi secondi di gioco, premendo i grilletti posteriori per scuotere l’albero, facendo cadere una mela che risveglierà il genio privo di colore e pupille, avviandoci verso casa e aprendo la porta ci troveremo all’interno della dimora composta da svariate stanze, suddivise in vari livelli con il medesimo obiettivo da portare a termine, aprire la porta tramite una chiave posizionata strategicamente, evitando di urtare la palla malefica o di cadere nel vuoto.

Il team di sviluppo ha pensato bene di realizzare una colonna sonora ripetitiva ma coinvolgente, invogliando il giocatore a perdere la ragione pensando fuori dagli schemi, in un mondo in cui la realtà è distorta e i colori non esistono, il tutto realizzato completamente in scala grigi e disegnato a mano come se fossimo in un bozzetto.

The Bridge GAMEPLAY TRAILER

8.0

The Bridge vi conquisterà fin da subito e nonostante sia stato pensato inizialmente per PC,  propone su console le medesime meccaniche di gioco, non vi porterà mai a sbadigliare dalla noia.  The Bridge è stato in grado di destare il vostro interesse con una colonna sonora che si sposa alla perfezione ed un comparto grafico che sembra uscito dalla mente di un pittore incompreso.

Grafica
8.5
85%
Gameplay
8.0
80%
Sonoro
7.5
75%
Longevità
8.2
82%
Trama
7.8
78%

Giovanni Damiano

SEO WEB COPYWRITER: Recensore, Tester, Blogger e Youtuber, appassionato di Tecnologia e Intrattenimento videoludico

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato