Recensione Kirby Planet Robobot

Pubblicato da: Giovanni Damiano- il: 30-05-2016 8:46

Sono trascorsi circa diversi anni dall’ultima volta che abbiamo messo le mani su un nuovo capitolo della serie Kirby, ed oggi siamo qui per condividere con voi la nostra Recensione su Planet Robobot previsto a breve su NINTENDO 3DS.

Kirby Planet Robobot

Kirby e il pianeta Robobot

Dopo il successone del Triple Deluxe,Hal Laboratories riporta la stella rosa più amata dai videogiocatori sulla console portatile di casa Nintendo, con un nuovo capitolo della serie che nonostante proponga un gameplay simile al passato, offre contenuti innovativi e inediti. Durante un sonnellino meritato sotto la folta chioma di un robusto albero, un’astronave aliena oscura il cielo inviando sulla valle i suoi ordigni meccanici. Il Re DeDeDe e MetaKnight sentendosi minacciati tentano di sopraffarla ma senza successo, il futuro di Dreamland è nelle mani del nostro eroe Kirby.

Come sempre anche Planet Robobot propone oltre la modalità storia classica, anche delle modalità inedite, alternative e divertenti come Sfida 3D Kirby e Squadra Kirby, sbloccabili e accessibili dal menu principale, prolungando ulteriormente la longevità del titolo. Nella prima ci ritroviamo a completare numerosi livelli all’interno di uno stage cubico con lo scopo di sconfiggere le ondate per giungere al Boss, nella seconda invece una sorta di Smash Bros dove suonarsele di santa ragione.

amiibokirbyserie

Titan Kirby in azione!

Per la prima volta Kirby può vantare di 3 nuovi poteri tra cui il Veleno, il quale consente di causare un quantitativo maggiore di danni ai nemici. In alcuni stage Kirby può vantare del supporto di esoscheletri per muoversi nello scenario e per eliminare i nemici a suon di pugni e calci rotanti come fossimo Chuck Norris, con la possibilità di personalizzarlo secondo i propri gusti personali con gli adesivi nascosti in ogni stage.

Nonostante riproponga il medesimo gameplay con il quale abbiamo avuto a che fare nel corso degli anni, in Kirby Robobot non troverete mai uno stage simile al precedente, ciò è stato reso possibile grazie all’introduzione di momenti nei quali ci ritroviamo ad affrontare sparatorie in stile Shoot ‘Em Up vecchia scuola o altri generi, mescolando l’avventura al puzzle in un calderone ricco di ingredienti.

kirby planet robot

Amiibo in Dremland

Kirby Planet RoboBot offre un comparto grafico di ultima generazione, dalla modellazione poligonale dei personaggi agli scenari realizzati con cura, i quali si sposano alla perfezione con i singoli elementi posti su di esso. Altra novità importante per la serie Kirby è legata all’utilizzo degli Amiibo per l’accesso a contenuti esclusivi, posizionando le statuette in bundle con il gioco sull’apposito supporto connesso alla console portatile, è possibile accedere a degli extra.

L’abilità del team di sviluppo nel mascherare un gameplay antico come il gioco stesso è evidente, grazie alla presenza di numerosi contenuti ed extra da farci dimenticare di ritrovarci di fronte allo stesso identico Kirby ma con ambientazioni e nemici differenti seppure in parte. Come ogni altro titolo della serie, Kirby è in grado di aspirare i nemici e di acquisirne i poteri mutando di conseguenza anche il suo aspetto, ma questa volta potrà contare anche su esoscheletri e poteri esclusivi.

4.5

Se come noi siete fan di questa celebre mascotte Nintendo,cresciuti con titoli come Dreamland, Deluxe, Adventure ed altri ancora, allora non potete lasciarvi sfuggire Planet Robobot, impeccabile sotto ogni punto di vista, dal comparto grafico cartoonesco ma in 3D ad una colonna sonora che si adatta alla perfezione agli scenari proposti, con un gameplay fedele alla saga seppur semplificato rispetto il passato, permettendo a tutti di giungere in poche ore alla conclusione di questa nuova avventura.

Giovanni Damiano

Appassionato di videogiochi, telefonia, informatica e intrattenimento. Nato con un controller tra le mani vive in una remota zona della Transilvania in attesa di giochi da completare. La sua prima parola è stata “Press Start”! Cresciuto con un NES 8 BIT ha raggiunto l’illuminazione con la nextgen e i VR

Lascia un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato